Tom Hardy

tomhardyC’è chi dice sia ancor meglio di Leo DiCaprio come il cattivo di Revenant – Redivivo di Alejandro G. Iñárritu. Comunque la si pensi, se DiCaprio ha la strada spianata, Tom Hardy nei panni del perfido John Fitzgerald dovrà attraversare le montagne russe per ricevere il suo primo Oscar. E non per mancanza di talento che anzi è immenso, semplicemente perché alcuni suoi avversari (vedi sopra) sono più accreditati a vincerlo. Stesso discorso vale per l’altro film presente nella cinquina più prestigiosa – Best Picture – dove è protagonista: parliamo dello del già stracult Mad Max – Fury Road di George Miller. Una cosa è certa: Tom è tra le star hollywoodiane più acclamate e di qualità e non passerà molto tempo prima che la statuetta più famosa del mondo andrà a illuminare uno dei suoi scaffali. E probabilmente da attore protagonista.

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next