Christian Bale

ruffaloEstremo, camaleontico e controverso, Christian Bale ha letteralmente sguazzato nel ruolo dell’eccentrico neurologo nonché genio della finanza Michael Burry in The Big Short – La grande scommessa di Adam McKay, che profetizzò la crisi finanziaria americana del 2008 dovuta alla bolla sui mutui. Come per Il caso Spotlight, si tratta di una pellicola corale dove gli attori sono tutti coprotagonisti: tra di essi era però necessario estrarre un nome e l’Academy ha scelto quello dell’interprete gallese, che arriva alla Notte degli Oscar con una statuetta già vinta (da non protagonista per The Fighter di David O’Russell nel 2010) e un’altra candidatura ottenuta nel 2013 per American Hustle diretto dal medesimo regista. La sua vittoria è pressoché improbabile e anche per Bale si attenderà un nuovo ed esplosivo ruolo da leading actor per bissare il trionfo.

 

 

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next