ruffaloTre volte come non protagonista. Mark Ruffalo sembra aver fatto l’abbonamento a questa categoria di candidature, centrata sia lo scorso anno in Foxcatcher che nel 2010 per I ragazzi stanno bene. Sarà che il cinema maiuscolo gli affida ancora ruoli secondari o comprimari, incapace di fidarsi dei suoi incontestabili talento e presenza scenica, anche l’Academy si è abituata a nominarlo da supporto. Forse dovrà attendere una parte da protagonista assoluto per vincere l’Oscar, giacché difficilmente la sua pur splendida performance nel cast del bellissimo corale Il caso Spotlight di Tom McCarthy lo vedrà trionfatore. Prolifico e versatile, Ruffalo resta comunque tra gli artisti più richiesti e stimati a Hollywood.

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next