Mark Rylance

markLo sfidante più accreditato di “Rocky” sembra il britannico Mark Rylance, splendido “supporter” di Tom Hanks ne Il ponte delle spie di Steven Spielberg. Squisito attore teatrale britannico nato nel 1960, Rylance già ha conquistato la principale “academy” in madrepatria portandosi a casa il BAFTA, che invece ha snobbato Sly Stallone. Nel film ispirato a una vera vicenda accaduta durante la Guerra Fredda, il performer entra nei panni della spia sovietica Rudolf Abel, arrestata dai servizi segreti americani. Per il suo scambio con un militare USA preso in ostaggio dall’URSS, viene messo in campo l’avvocato James B. Donovan: il rapporto che si instaura tra questi e Abel è di straordinaria umanità. Rylance probabilmente non vincerà il suo primo Oscar a cui è candidato, ma se il personaggio di Abel gli è entrato nelle vene a chi gli chiederà se è rimasto deluso con ironia risponderà “perché servirebbe?”.

 

 

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next