Matt Damon

mattdamonL’uomo per la cui salvezza l’America speso “una fortuna” in denaro si chiama Matt Damon. Da Salvate il Soldato Ryan a Interstellar ed ora a The Martian: è tutto causale ma l’uomo da salvare è sempre ed inevitabilmente lui! Puntuale, il web si è scatenato facendo circolare una barzelletta che ha divertito mezzo mondo.  Lo stesso attore 46enne di Boston non ha nascosto l’autoironia, ridendo di sé e della percezione che dei suoi ruoli si è fatto il cine-mondo. Damon, che di Oscar ne ha già vinto nel 1997 con l’amico Ben Affleck per la sceneggiatura di Will Hunting – Genio ribelle, è alla sua quarta candidatura ma difficilmente centrerà l’obiettivo da protagonista di Sopravvissuto -The Martian diretto da Sir Ridley Scott. A dirlo sono i pronostici con relative scommesse ma anche l’effettiva qualità delle performance degli avversari: pur “in parte” il bravo Matt si trova a servizio di un film che lo supera e che gli ha “disegnato” un character non così complesso da restituire.

 

 

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next