Era stato sorpreso fuori casa e intento a usare il cellulare dal’inviato di “Non è l’arena” (La7), Danilo Lupo, che lo aveva intervistato in merito alla circolare del Dap sulle scarcerazioni avvenute per l’emergenza covid. Si tratta del boss mafioso Gino Bontempo, a cui il giudice aveva concesso gli arresti domiciliari per motivi di salute.
Bontempo, accusato dalla procura di Messina di essere a capo della famiglia mafiosa dei Batanesi, storico clan di Tortorici, paese dei Nebrodi, è tornato in carcere, proprio perché ha palesemente violato gli obblighi di restare a casa.

I pm hanno chiesto e ottenuto dal gip l’inasprimento della misura cautelare imposta al boss, accusato anche di essere tra gli ideatori di una truffa milionaria all’Ue sui contributi agricoli messa a segno dal clan. I carabinieri del Ros gli hanno appena notificato la nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Le mafie puntano ai soldi del Recovery. Alcune aree del Paese non riconoscono l’usura, sono assuefatte a clan e non denunciano più”

next
Articolo Successivo

Processo Aemilia 1992, ergastolo al boss Nicolino Grande Aracri. Assolti gli altri tre imputati

next