“Perché le preferenze vanno bene per le elezioni comunali, regionali e per l’Europarlamento, dove i primi due livelli sono molto più a rischio infiltrazioni e inquinamento criminale, e non alle elezioni nazionali?”. Per il presidente della Commissione antimafia, Nicola Morra esistono diversi strumenti per ridurre il rischio del voto di scambio e inquinamento, connesso a un sistema basato sulle preferenze. “Ci vuole intelligenza e determinazione. Ci sono tanti modi. Ad esempio raddoppiando il numero degli elettori per singolo seggio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, tutti i partiti contro le liste bloccate (almeno a parole) ma divisi sul come. Salvini: “Sistema delle Regioni e lo voto subito”

next