“Perché le preferenze vanno bene per le elezioni comunali, regionali e per l’Europarlamento, dove i primi due livelli sono molto più a rischio infiltrazioni e inquinamento criminale, e non alle elezioni nazionali?”. Per il presidente della Commissione antimafia, Nicola Morra esistono diversi strumenti per ridurre il rischio del voto di scambio e inquinamento, connesso a un sistema basato sulle preferenze. “Ci vuole intelligenza e determinazione. Ci sono tanti modi. Ad esempio raddoppiando il numero degli elettori per singolo seggio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, tutti i partiti contro le liste bloccate (almeno a parole) ma divisi sul come. Salvini: “Sistema delle Regioni e lo voto subito”

next