La Rai ha svelato oggi, 9 luglio 2019, i palinsesti della prossima stagione televisiva. Novità, conferme, dubbi e polemiche. Ecco cosa vedranno i telespettatori da settembre sulle reti del servizio pubblico.

FIORELLO TORNA IN RAI PER UN NUOVO PROGETTO. IL REBUS SANREMO 2020 (CON LA SMENTITA ALL’IPOTESI MOGOL)

Alla fine Fiorello c’è, dopo lo scetticismo dei giorni scorsi l’annuncio è arrivato. Lo showman siciliano ha scherzato in una clip: “Siamo pronti per questa avventura che mi ha fatto dire ‘Chi me l’ha fatto fare“. Scherza sul futuro in bilico dell’attuale governance (“Confido nei vertici che possono saltare dall’oggi al domani, così mi levo quest’ansia”) mentre Salini si mostra entusiasta: “Un progetto unico a livello mondiale“. Di cosa si tratta? Diciotto show live su Raiplay, preceduti su cinque appuntamenti su Rai1 dopo il Tg1 e non si escludono incursioni radiofoniche. Un progetto multimediale e multipiattaforma che debutterà il prossimo 4 novembre.

Sanremo 2020 per ora resta avvolto nel mistero. Da settimane circola con insistenza il nome di Amadeus come direttore artistico e conduttore ma anche quello di Cattelan, che potrebbe portare nuove polemiche: “Sarà la 70esima edizione. Ci stiamo incontrando, volevamo aspettare la presentazione e metterci al lavoro la prossima settimana su Sanremo.” L’amministratore delegato smentisce anche l’intervista di Mogol che aveva fatto intendere di aver ricevuto una proposta dall’azienda: “Non ho contattato Mogol ma è una ipotesi che non escludiamo.” Una certezza c’è e riguarda Sanremo Giovani che tornerà ad occupare una sola serata, precisamente il 17 dicembre.

Palinsesti Rai 2019: “Fazio su RaiDue con stipendio ritoccato. Luttazzi? La richiesta economica ha rallentato la trattativa”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palinsesti Rai 2019, ecco le cinque novità della stagione tra musica ed eventi unici

prev
Articolo Successivo

Rai, nei palinsesti non c’è la fiction su Riace. Lucano: “È censura della Lega”

next