E non è finita qui. Secondo uno studio di Arpa Emilia Romagna commissionato dal ministero delle Politiche agricole rispetto ai cambiamenti climatici nel nord Italia, il mutamento già in atto è destinato a peggiorare nei prossimi anni. In base agli studi effettuati e alle proiezioni future, durante il periodo 2021-2050 l’incremento di temperatura stimato potrebbe essere di circa 1°C per tutte le stagioni, sia nei valori minimi che massimi. Le condizioni però peggioreranno con l’andare del tempo: tra il 2071-2100 i valori potrebbero essere più intensi durante l’estate, con punte che potranno arrivare a 6-7°C in più per la temperatura massima, soprattutto in pianura.  Per quanto riguarda le precipitazioni, durante il periodo 2021-2050 si potrebbe assistere a una leggera diminuzione di quelle invernali e a un aumento delle autunnali.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arzachena, giovane capodoglio spiaggiato con 22 chili di plastica nello stomaco e un feto di 2,4 metri in decomposizione

next
Articolo Successivo

Dal fossile alle rinnovabili /2 – Anche sui trasporti in Italia continua a comandare Big Oil

next