“La libertà dei nostri figli è intoccabile. Giù le mani”, urla Anna. È venuta a manifestare a Roma dalla Calabria con marito e figlia. “Ci avete tolto il lavoro e la casa. Ma la libertà e la salute dei nostri figli no, non l’avrete”. Magliette bianche e cartelloni per la “libertà di scelta“: sono i “No Vax”, anche se molti di loro preferiscono essere definiti “free Vax”, e sono scesi in piazza oggi nella Capitale contro il decreto che introduce l’obbligo di 12 vaccinazioni per la frequenza scolastica. La manifestazione è stata indetta dal Coordinamento nazionale per la libertà di scelta. “Nostra figlia è nata prematura”, spiega Giorgio. “Vaccinarla a pochi mesi e sottopeso, come richiesto dal protocollo, per noi è stato semplicemente inaccettabile. Ora vogliamo semplicemente valutare se e quando, insieme all’aiuto dei medici”. “Siamo qui da tutta Italia”, racconta Pietro. “È un decreto coercitivo che ha diviso i genitori. Vogliamo tutti bene i nostri figli”. “Sto ancora combattendo per mio figlio, quattro anni e mezzo, danneggiato dai vaccini. Ha un problema all’intestino che ha portato a un’infiammazione cerebrale”, dice Elena da Rovigo. “Oggi sono in piazza perché sono ancora in apnea”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, oltre 500 bus al giorno tornano al deposito per guasti. Atac ai conducenti: “Senza aria condizionata? Andate avanti”

next
Articolo Successivo

Ancona, arrestato funzionario di Palazzo Chigi: “Ha chiesto 2000 euro millantando agganci con la magistratura”

next