“La libertà dei nostri figli è intoccabile. Giù le mani”, urla Anna. È venuta a manifestare a Roma dalla Calabria con marito e figlia. “Ci avete tolto il lavoro e la casa. Ma la libertà e la salute dei nostri figli no, non l’avrete”. Magliette bianche e cartelloni per la “libertà di scelta“: sono i “No Vax”, anche se molti di loro preferiscono essere definiti “free Vax”, e sono scesi in piazza oggi nella Capitale contro il decreto che introduce l’obbligo di 12 vaccinazioni per la frequenza scolastica. La manifestazione è stata indetta dal Coordinamento nazionale per la libertà di scelta. “Nostra figlia è nata prematura”, spiega Giorgio. “Vaccinarla a pochi mesi e sottopeso, come richiesto dal protocollo, per noi è stato semplicemente inaccettabile. Ora vogliamo semplicemente valutare se e quando, insieme all’aiuto dei medici”. “Siamo qui da tutta Italia”, racconta Pietro. “È un decreto coercitivo che ha diviso i genitori. Vogliamo tutti bene i nostri figli”. “Sto ancora combattendo per mio figlio, quattro anni e mezzo, danneggiato dai vaccini. Ha un problema all’intestino che ha portato a un’infiammazione cerebrale”, dice Elena da Rovigo. “Oggi sono in piazza perché sono ancora in apnea”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, oltre 500 bus al giorno tornano al deposito per guasti. Atac ai conducenti: “Senza aria condizionata? Andate avanti”

next
Articolo Successivo

Ancona, arrestato funzionario di Palazzo Chigi: “Ha chiesto 2000 euro millantando agganci con la magistratura”

next