“La Mamma” si nascondeva in una sorta di bunker realizzato dietro un armadio nella sua abitazione”. Il latitante Antonio Pelle di San Luca, protagonista della faida che ha portato alla famosa strage di Duisburg, è stato arrestato stamattina dalla squadra Mobile di Reggio Calabria. Deve scontare 20 anni e un mese di carcere che gli sono stati inflitti al termine del processo “Fehida” che ha fatto luce sulla faida tra i Pelle-Vottari e i Nirta-Strangio. Al momento dell’arresto, avvenuto in contrada Ricciolio di Benestare, Pelle non era armato e non ha opposto resistenza agli uomini di Francesco Rattà, capo della Mobile. È la seconda volta che “la Mamma” viene arrestato da latitante. Era stato catturato nell’ottobre 2008 ma, accompagnato in carcere, grazie ai farmaci era riuscito a dimagrire così tanto da rischiare la vita. Era stato quindi ricoverato e dall’ospedale di Locri riuscì a fuggire nel 2009. Dopo sette anni di latitanza, oggi è stato scovato a casa sua e questo conferma la teoria che solo in rari casi i boss della ‘ndrangheta si allontanano dal loro territorio  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scozia, ritrovato in un castello un dipinto di Raffaello. Pagato venti sterline ora vale 22 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Nicotera, matrimonio show: si dimette il sindaco Pagano. Sul comune pende una richiesta di scioglimento per mafia

next