I KRAPFEN

Ricetta dei Fratelli Cerea, chef de il Ristorante Da Vittorio (Brusaporto BG)

I krapfen vennero inventati nel ‘600 a Graz, in Austria.
Ingredienti per la biga:
– 185 g di farina manitoba
– 110 g di acqua
– 25 g di lievito di birra

Esecuzione della biga:
Impastare il tutto e far lievitare finché non raddoppia il volume.

Quindi aggiungere:
– 325 g di manitoba
– 75 g di zucchero
– 105 g di tuorli
– 160 g di uova (subito)

Poi unire:
– 50 g di uova (dopo aver impastato il tutto)
– scorza di limone
– 125 g di burro
Far riposare l’impasto.

Formare delle palline da 30 g e farle lievitare di circa il doppio del volume.

Friggere in olio di semi a 170°, girando i krapfen in continuazione.

Scolarli e passarli nello zucchero semolato ed infine farcirli con marmellata, crema o cioccolato.

Spolverare con lo zucchero a velo.

Crema Pasticcera
Miscelare a freddo:
– 150 g di zucchero
– 35 g di amido di riso

Nel frattempo portare a bollore:
– 500 ml di latte
– 1 baccello di vaniglia

Unire alla miscela di zucchero e amido frustando energicamente:
– 200 g di uova

Versarvi sopra il latte bollente e cuocere sino a portare a bollore. A cottura ultimata unire 50 ml di panna liquida.

INDIETRO

Dolci ‘trasgressioni’ di Quaresima: le ricette degli chef (da Davide Oldani ai Fratelli Cerea) tra Carnevale e Pasqua

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matthew Kenney, il re della cucina vegana crudista Usa: “Chi fa questa scelta non è più un emarginato”

prev
Articolo Successivo

Festa del papà , la ricetta “stellata” dello chef Oldani per tutti i padri che vogliono cucinare per i propri figli piccoli

next