La notizia di un attentato fatta circolare di proposito per ottenere consenso.  Spunta un interrogativo inquietante nell’indagine su Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, indagata per corruzione, induzione e abuso d’ufficio, Un mistero legato alla notizia pubblicata da alcuni giornali il 22 maggio scorso.

Nelle settimane precedenti il giudice che gestiva i beni sequestrati a Cosa nostra era stato bersaglio delle inchieste giornalistiche di Telejato, la piccola emittente di Partinico, in provincia di Palermo, riprese anche da una puntata della trasmissione Le Iene, quando viene diffusa la notizia di un piano di morte ai suoi danni. A voler assassinare Saguto, secondo i take d’agenzia che citavano una nota dei servizi di sicurezza, era Cosa nostra palermitana, indispettita per i continui sequestri, che per colpire il magistrato aveva chiesto un “favore” al clan Emmanuello di Gela. La procura di Caltanissetta, come riportato dal Messaggero, ipotizza che quella notizia, che risaliva a parecchio tempo prima, fosse stata “soffiata” di proposito ai giornali in quel periodo, da un ufficiale della Dia vicino alla Saguto: un modo per ottenere solidarietà dall’opinione pubblica dopo gli attacchi di Pino Maniaci. Il direttore di Telejato è autore di un esposto alla procura di Caltanissetta sulla gestione dei beni sequestrati.

Nel frattempo, dopo Saguto, anche Lorenzo Chiaramonte, indagato per abuso d’ufficio ha fatto un passo indietro lasciando l’incarico di giudice della sezione misure di prevenzione: è accusato di non si essersi astenuto in occasione dell’incarico di amministratore di beni sequestrati a una persona a lui molto vicina.  Anche il Csm ha aperto un fascicolo al vaglio della prima sezione, quella competente per i casi di incompatibilità ambientale dei magistrati: il relatore del fascicolo è il consigliere laico di Forza Italia Pierantonio Zanettin . L’inchiesta sui beni sequestrati, infatti, coinvolge anche Tommaso Virga, fino all’anno scorso componente togato di Palazzo dei Marescialli, oggi indagato per induzione alla concussione: per gli inquirenti avrebbe favorito un procedimento disciplinare che pendeva sul capo della Saguto e in cambio il figlio Walter avrebbe ottenuto un incarico da amministratore giudiziario. L’ex consigliere del Csm, però, nega di essersi mai interessato a vicende disciplinari nell’interesse di Saguto e si dice pronto a chiarire ogni cosa. Nel registro degli indagati anche il pm antimafia Dario Scaletta accusato di rivelazione di notizie riservate per aver informato alcuni colleghi della sezione misure di prevenzione dell’indagine sulla Saguto.