ƒ

IlFattoQuotidiano.it / BLOG

Scelti da Il Fatto Quotidiano

Antonio Tognoli

Analista finanziario, giornalista pubblicista e docente

Ho iniziato a lavorare come analista finanziario nel 1983, occupandomi di economiae politica economica e nel frattempo mi sono laureato in scienze bancarie, finanziarie e assicurative. Oggi mi occupo di analisi finanziaria all’interno di Integrae SIM, realtà che aiuta le piccole e medie imprese nella ricerca di fonti di finanziamento. Giornalista pubblicista, docente ai corsi post laurea "Finanza d'impresa e finanza personale - Addingvalue in corporate and personal finance" e co-autore del libro Analisi Finanziaria e Valutazione Aziendale, a cura di Franco Pedriali.

Silvio Bernelli

Scrittore, istruttore di yoga

Ho avuto la fortuna di essere stato un musicista negli anni ’80, e da quella avventura è nato il mio primo romanzo I ragazzi del Mucchio (2003, 2009 Sironi). Ho pubblicato anche Dopo il lampo bianco (2012, Agenzia X) e il reportage su Torino in Periferie AA. VV. (2006, Laterza).

Scrivo sul lit-blog ilprimoamore.com e su Il Mucchio Extra. Per lavoro mi occupo di comunicazione d’impresa. Per passione pratico yoga dal 2002 e lo insegno a Torino, la mia città (come direbbe Woody Allen se fosse nato sotto la Mole come me).

Giulio Cupini e Fabio Scalet

Esperti di web marketing

Giulio Cupini

Classe 1988, sono il responsabile marketing di Ad Maiora. Laureato in Scienze Umanistiche con una tesi su Digital e Cultura, ho vinto il premio Darwin nel 2009 per il miglior articolo di divulgazione scientifica. In questi anni ho vissuto di tecnologia sotto diversi aspetti, prima come sviluppatore iOS, poi come opinionista per DDay.it e ora curando le strategie di posizionamento digitale per i grandi brand dell'economia italiana. Faccio parte del Comitato per il Nord Digitale e parlo di marketing e tech ogni lunedi su Digitalia. Ho scritto Social Media e Comunicazione della Cultura.

@giuliocupini

Fabio Scalet

Da oltre 20 anni appassionato della comunicazione online, sono stato uno dei fondatori di Ad Maiora, una delle prime web agency italiane. Mi occupo, per passione e per lavoro, di progetti di search marketing, social media marketing, social customer care, advertising e reputation online, per le più importanti aziende italiane. Da 2010 curo progetti online per l'internazionalizzazione grazie anche all’ampliamento dei collaboratori di Ad Maiora sia sul mercato russo (tre persone) che sul mercato sud americano (due persone) e cinese con la collaborazione di una delle più importanti agenzie di Shanghai. Sono co-fondatore di Italia Della Solidarietà con Antonio Guidi, ex ministro della Famiglia, e di Digiconsum.it associazione di promozione sociale che ha per obiettivo la promozione e la tutela della cittadinanza digitale. Insegno marketing online nei master dello IED e partecipo come relatore a convegni e seminari.

@FabioScalet

Francesca Fornario

Giornalista e autrice satirica

Sono andata all'asilo dalle suore. Alle elementari dalle suore. Alle medie dalle suore. Al liceo dalle suore. Sono atea. Non per colpa delle suore, è proprio Dio che non esiste. Occupazione: Satireggio a Un giorno da Pecora su Radiodue dove conduco anche Mamma Non Mamma e Ovunqe6. Collaboro con La7, Rai3, Sky, tutto tranne Mediaset. Scrivo Per il Fatto Quotidiano, per Il Manifesto e per Micromega perché sono felice che resistano. Ho un romanzo in uscita per Einaudi che parla del fatto che quando una lavoratrice aspetta un figlio ha tre possibilità: 1) Rinunciare al lavoro 2) Rinunciare al figlio 3) Convincere Piersilvio Berlusconi che è lui il padre.

Quanto all'intera faccenda: Penso che dovremmo tenerci stretti, e godercela finché dura.

Gianluca Ferrara

Saggista e direttore editoriale di Dissensi Edizioni

Sono nato nel 1972 a Portici (Napoli) ma vivo a Viareggio, ho conseguito la laurea in Scienze Politiche e studio scenari politici e fenomeni economico sociali. Ho collaborato con Il Manifesto e l’Agenzia di Stampa (Adista) e scritto su diversi blog, quello di Beppe Grillo ha più volte ospitato miei contributi e alcuni di essi hanno suscitato vivaci dibattiti.

Ho scritto diversi saggi ai quali hanno contribuito persone che mi hanno insegnato la passione per la conoscenza e la giustizia sociale come Andrea Gallo, Alex Zanotelli, Vandana Shiva, Beppe Grillo e Paul Connett. I miei ultimi libri sono 99% e Derubati di Sovranità, la guerra delle élite contro i cittadini.

Sono direttore editoriale di Dissensi Edizioni (www.dissensi.it), una casa editrice indipendente che mi piace definire un “laboratorio culturale di informazione altra e partecipazione”. A mio avviso il problema principale dei nostri tempi è che viviamo in una sorta di Truman Show ed è quindi di fondamentale importanza mostrare una realtà alternativa, una via di uscita che ci possa trasformare da attori inconsapevoli a protagonisti della nostra vita.  

Flavio Bacchetta

Fotografo e story-writer indipendente

Da 22 anni vivo e lavoro tra Caraibi e America Latina, da dove scrivo sui lati oscuri del Continente Americano.

Scrivo, per mantenere il mio equilibrio mentale soprattutto; perché in terre come queste, di cui i turisti conoscono il lato oleografico, si annidano ingiustizie, che sembrano quasi un sacrilegio portare alla luce. Malgrado ciò, il Nuovo Continente non smette mai di affascinarmi.

Alon Altaras

Romanziere e poeta, traduttore di letteratura italiana in ebraico

Sono Alon Altaras (1960), romanziere e poeta, traduttore di letteratura italiana in ebraico (Tabucchi, Pasolini, Montale, Gramsci, Ferrante, Camilleri, Veronesi, Baricco, Leopardi, Merini, Calasso, Comencini e tanti altri).

Insegno all'università di Pisa e da anni mi occupo di cultura e letteratura italiana moderna, cultura e letteratura ebraica e israeliana moderna. Vivo fra Venezia e Tel Aviv, due città che amo profondamente.

In Israele, nel 2001, ho vinto il prestigioso premio del Primo Ministro per la Letteratura, mentre in Italia nel 2003, per la Traduzione e nel 2006 sono stato insignito dal presidente Napolitano dell'onorificenza di Cavaliere della Repubblica Italiana per il contributo alla diffusione della letteratura italiana in Israele.

In traduzione italiana esistono tre dei miei quattro romanzi: "Il vestito nero di Odelia" (2005), "La vendetta di Maricika" (2006) e, l'ultimo, “Nostro figlio”, è uscito nel maggio 2014.

In Italia ho collaborato con Il fatto quotidiano, Repubblica e Unità; in Israele con Haaretz e Maariv.

Sono sposato e padre di due bambini, Yonathan (8) e Yael (6).

Turisti A Ogni Costo

Gli angoli sconosciuti del turismo

Siamo Chiara e Cosimo.

Paghiamo le bollette facendo rispettivamente l'avvocato e l'informatico, una a Trieste e l'altro a Lecce.

Nel 2011 abbiamo aperto il blog TuristiAOgniCosto, che ci ha dato inaspettatamente grandi soddisfazioni.

Qui parleremo di viaggi e delle tematiche legate al "buon turismo", ovvero pratiche, metodi ed esperienze tese a rendere migliore un servizio, più accogliente una località, anche mediante il confronto con modelli che all'estero funzionano e che potrebbero essere attivati proficuamente anche in Italia.

Speriamo di poterci confrontare con voi, con le vostre opinioni e le vostre esperienze.

Nel 2012 abbiamo pubblicato il romanzo sexOring, che con il turismo non c’entra niente, ma vi pare che potevamo non dirvelo?

Oltre che qui e sul blog ci trovate anche su:

Twitter: @tweetaognicosto @cosiwankenobi

Instagram: Turisti a ogni costo

Facebook: Turisti a ogni costo

Antonello Ciccozzi

Antropologo

Sono nato nel 1971 e insegno antropologia culturale all’Università dell’Aquila. Ho iniziato con ricerche sulle culture rurali e le subculture antisistemiche. Ora mi occupo di antropologia dell’abitare, di antropologia del rischio, e, soprattutto, cerco di praticare un approccio critico-problematico nell’analisi del contatto culturale tra i “Nord” e i “Sud” del mondo, in merito a temi che riguardano la questione migratoria, l’integrazione, l’interculturalità.

Nuovi Blogger

Le Strisce

Band di Napoli

Siamo una band di Napoli, città d'arte.

Devoti alla scrittura e al lavoro.

Non so ancora se scriveremo una canzone che resterà per sempre o se spariremo prima di fare il grande salto, so solo che, verosimilmente, se nella vita bisogna crederci, nessuno ci crede più di noi.

Fino a quando ci resterà l'ultimo euro, fino a quando le parole saranno magiche, fino a quando nessun rimpianto sarà rimasto, proveremo a fare delle nostre esistenze qualcosa di meraviglioso. Come quella volta che per descrivere il mio lavoro non ho avuto più paura di dire "faccio l'artista”.

Bufale.net

Come smascherare le notizie false e le bufale che girano su internet

Benvenuti nel web 2.0, dove tutto gira super veloce, sopratutto le notizie false o alterate che molti conoscono con il termine "BUFALA".

Un gruppo di persone comuni, che non sono esperte in nessun settore specifico e stanche della condivisione selvaggia, hanno deciso di usare la testa nel modo più saggio cominciando ad analizzare le notizie che girano nei social network e nei media nazionali.

In questo blog si usa la neutralità, la pazienza e la cortesia nel rispondere su tutto, ognuno viene trattato con rispetto qualunque siano le convinzioni e i toni usati. Anche se gli autori hanno un credo politico, religioso o scientifico, le mettono da parte durante la stesura degli articoli per non essere influenzati da qualsiasi pregiudizio o stereotipo.

Ricordiamo che Bufale.net sbufala solo la notizia e non l'intero argomento di cui questo parla. Una fotografia falsa, un video ritoccato, una articolo con fonti false e tanti altri casi non rendono un argomento falso.

Turi Rizzi

Cantante lirico

Sono nato a Milano nel 1956. A sedici anni mi dedico allo studio del flauto e al canto jazz. “Hai voce grande, devi cantare classico!” Questo il consiglio di Oreste Bossini, brillante critico musicale oggi e allora mio compagno di studi universitari: un consiglio che ho seguito e che mi ha portato a cantare in Europa, Asia e negli Stati Uniti, dove ho risieduto per 10 anni. I miei ruoli sono quelli di tenore drammatico - Cavalleria, Pagliacci, Carmen, Ballo in Maschera, Otello - e insegno canto privatamente. Ho collaborato come critico musicale al periodico svizzero “La Gazzetta Ticinese” e mi interesso anche degli aspetti sociali della professione. Ho fatto parte della Commissione del Comune di Milano per regolamentare la musica di strada. Non raro trovarmi nei locali jazz milanesi per rivisitare il mio repertorio di crooner.

Più attivi

Beppe Giulietti

Portavoce di Articolo 21

Giuseppe Giulietti è nato a Roma il 19 ottobre 1953. Le scuole elementari le ha fatte a Napoli, le medie e il liceo classico a Venezia, l’Università invece a Roma, dove ha pensato bene di laurearsi in Lettere dedicando la tesi agli anabbatisti perché già allora provava una irresistibile attrazione per gli eretici, gli irregolari, quelli che diffidano dei dogmi e delle sante o laiche inquisizioni. Alla Rai ci è arrivato nel 1979 dopo aver vinto il primo concorso che l'azienda decise di bandire per giornalisti praticanti. Dopo un decennio trascorso nella sede del Veneto, fondò con tanti altri il gruppo di Fiesole, da qui la successiva attività sindacale nell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai, e nella Federazione della Stampa. Attualmente è il portavoce di Articolo 21, associazione fondata e presieduta da Federico Orlando, siede in Parlamento nel gruppo misto ed è componente della commissione cultura della Camera dei deputati. Non coltiva grandi sogni salvo quello di vedere unite tutte le opposizioni, politiche e sociali, non solo per mandare a casa Berlusconi, ma soprattutto per liberare l’Italia dal berlusconismo, una malattia che ha già contagiato milioni di italiani e persino chi crede di esserne immune.

Fabio Marcelli

Giurista internazionale

Nato il 15 marzo del 1956 a Roma, sono ricercatore dell’Istituto di studi giuridici internazionali del CNR, e dirigente dell’Associazione dei giuristi democratici a livello nazionale, europeo e internazionale. Ho scritto sette libri e oltre cento articoli su temi di diritto e relazioni internazionali.

Sono candidato alle elezioni comunali nella lista Sinistra per Roma che sostiene la candidatura a sindaco di Sandro Medici

Lavoce.info

Watchdog della politica economica italiana

La crescente concentrazione di potere mediatico nel nostro Paese condiziona il confronto civile spingendo a schierarsi, a prendere posizioni estreme. Si può solo essere pro o contro. Pressoché bandite dalle TV le riflessioni, le analisi, l'informazione che vada in profondità. Vogliamo usare la nostra voce in un altro modo. Dal luglio 2002, quando è nata lavoce.info, cerchiamo di informare e di offrire uno strumento di approfondimento per chi non si accontenta del giudizio sommario e delle parole d'ordine. Una voce libera e indipendente. Informiamo e, soprattutto, proponiamo analisi indipendenti di fatti e notizie, con lo scopo di offrire un servizio utile a tutti coloro che accettano di misurarsi, senza pregiudizi, su questioni complesse. La nostra ambizione? Essere competenti nella critica, provocatori nei contenuti ed equilibrati nelle proposte. Vogliamo essere qualcosa che in Italia manca: una testata, che svolga la funzione di "watchdog", di cane da guardia, che valuti criticamente la politica economica, disinteressandosi dell'uso politico che può essere fatto di ciò che scrive. È un ruolo ambizioso ma non presuntuoso e, crediamo, importante. Soprattutto in un momento in cui ogni errore tecnico, ogni difetto di progettazione o ritardo ha costi molto elevati per il nostro paese. 

La redazione è attualmente costituita da 27 membri "stabili" e da un grande numero di collaboratori. Il comitato di redazione, responsabile dei testi non firmati, è attualmente formato da Tito Boeri, Daniele Checchi, Francesco Daveri, Giuseppe Pisauro e Fabiano Schivardi.. I membri della redazione in aspettativa per incarichi parlamentari o di governo scrivono su temi non attinenti al loro incarico e non partecipano alle scelte redazionali.

Guido Scorza

Docente, avvocato e giornalista

Avvocato, giornalista pubblicista, blogger at guidoscorza.it e Presidente dell’Istituto per le politiche dell’innovazione. Insegno diritto delle nuove tecnologie in diverse università italiane e scrivo, con poca fantasia, delle stesse materie su diversi giornali e periodici online e offline: L’Espresso, Wired.it, Punto Informatico, PC Magazine, Win Magazine, Office Magazine, Computer Business Review, Internet Magazine e Quale computer.

Mi occupo da oltre dieci anni di politica dell’innovazione e di difendere i diritti civili in Rete convinto come sono che Internet possa e debba divenire la nuova agorà democratica del Paese che verrà.