/

Scelti da Il Fatto Quotidiano

Diogene

Auto-cinico

Un cinico al servizio dell'automobile. Da anni prova a contrastare le grandi illusioni del mondo dell'auto: ricerca della ricchezza, del potere, della fama. Pensa che il fine ultimo dell'auto sia quello di offrire un'esperienza unica e appagante attraverso prodotti sempre migliori e al passo con i valori della società.

Tommaso Ederoclite

Politologo, segreteria Pd Napoli

Nato a Napoli nel ’77. Una laurea, un dottorato di ricerca, qualche insegnamento, diverse consulenze. Politologo ed esperto di comunicazione politica. Ho lavorato come spin doctor, ghost writer e consulente politico in diverse campagne elettorali, in particolare quelle online e sui social media. Sin dal 1999 mi occupo di comprendere gli effetti dell'innovazione tecnologia sulla qualità della democrazia. Attualmente rivesto l'incarico di portavoce con delega alle riforme istituzionali, alla comunicazione, ricerca, università e formazione presso la segreteria del Partito Democratico di Napoli. Ho scritto e scrivo per diverse riviste e testate nazionali come l'Huffington post, Europa Quotidiano, Linkiesta e ValigiaBlu.

Aidos

Associazione italiana donne per lo sviluppo

L’AIDOS, Associazione italiana donne per lo sviluppo, è un’organizzazione non governativa (Ong), creata a Roma nel 1981 per contribuire all’affermazione dei diritti, della dignità e della libertà di scelta delle donne del Sud del mondo. AIDOS concentra i propri interventi in quattro settori: salute e diritti sessuali e riproduttivi; sviluppo di piccola imprenditorialità femminile, capacity building delle istituzioni e organizzazioni di donne; istruzione delle bambine e prevenzione del lavoro minorile. AIDOS – dal 1981 unisce le donne del mondo.

Carlo Troilo

Giornalista

Sono un giornalista che si è sempre occupato di comunicazione sia aziendale (capo ufficio stampa dell’IRI e direttore delle relazioni Esterne della RAI, dove ho coniato lo slogan “RAI, di tutto di più”) sia politica (capo ufficio stampa dei ministri del Commercio Estero e delle Partecipazioni Statali). Sono impegnato nel campo dei diritti civili come dirigente della Associazione Luca Coscioni e sui problemi di Roma con “Roma Nuovo Secolo”. Ho scritto su molti giornali su problemi economici, diritti civili, antifascismo e Resistenza. Ho pubblicato tre libri, il primo nel 2005 su mio padre, prefetto della Liberazione di Milano: La Guerra di Troilo; il secondo nel 2007 sull’IRI: 1963 – 1982: i venti anni che sconvolsero l’IRI; il terzo su eutanasia e diritti negati: Liberi di morire, editore Rubbettino, 2012.

Fabrizio Dell'Anna

Titolare dell’Agenzia Italiana Genitori Separati

Milanese, classe 1974, divorziato con un figlio. Sono titolare di AIGES, agenzia nazionale per la tutela di genitori e figli nella separazione e nel divorzio. Da oltre dieci anni mi occupo con passione di conflitti in ambito familiare, fornendo alle coppie in crisi tutti gli strumenti necessari a garantire ai minori la possibilità di mantenere rapporti con entrambe le figure genitoriali. Ne parlo, ne scrivo, ci lavoro. Ogni giorno. Chi mi ha incrociato sulla sua strada, di me ha imparato tre cose fondamentali: non faccio miracoli, ascolto con attenzione e agisco con prudenza. Tra i fallimenti della mia professione riconosco, al pari del noto avvocato matrimonialista Cesare Rimini, "il dolore dell’impotenza quando vedi due persone incapaci di affrontare una separazione e con il solo desiderio di nuocersi". Per questo, da sempre, mi batto per la diffusione di una cultura di gestione evolutiva e non distruttiva del conflitto.

Gianluca Attanasio

Ex campione italiano di nuoto paralimpico

Ho incontrato lo sport ed è stato amore a prima vista, ho avuto una grande opportunità che mi ha regalato tanti titoli Italiani, tante medaglie, la straordinaria partecipazione al Trofeo dei Sette Colli nel 2008 con la rappresentativa nazionale alla voglia di aiutare tanti disabili spronando gli animi dei nostri politici nazionali troppo sordi per cambiare le cose. Sono stato professore Universitario per ben due volte, un grande onore che mi ha dato forza e speranza; ho ricevuto tanti riconoscimenti da ogni dove da ogni carica dello Stato, pur non avendo mai partecipato a nessuna Olimpiade: la mia fama di nuotatore per il sociale è stata più forte delle medaglie vinte. Il sogno continua a 45 anni, con il ritorno alle competizioni di massimo livello nelle gare di fondo Open Water ed una probabile convocazione per la staffetta paralimpica 2015 Capri Napoli inserita nel Circuito Fina World Cup. Le mie battaglie sono quelle di tutti, sogno un Paese migliore.

Gian Carlo Caselli

Ex magistrato

Magistrato in pensione dal dicembre 2013 - entrato in Magistratura nel dicembre 1967 - sono stato giudice istruttore a Torino e mi sono occupato a lungo di inchieste sul terrorismo (Brigate rosse e Prima linea), dal 1986 al 1990 sono stato componente del Csm eletto nelle liste di Md. Rientrato a Torino come presidente della Corte d’Assise, nel 1992 dopo la morte di Falcone e Borsellino ho chiesto di essere trasferito a Palermo, dove ho diretto quella Procura per quasi sette anni, contribuendo al conseguimento di importanti risultati contro la mafia. Successivamente sono stato capo del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) e rappresentante italiano in Eurojust, struttura di coordinamento delle indagini transnazionali. Infine sono stato Procuratore generale di Torino e poi Procuratore della Repubblica, veste nella quale ha coordinato le indagini sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Piemonte e sulle violenze riferibili a frange estreme del movimento no Tav. Attualmente dirigo in Coldiretti la segreteria scientifica dell’Osservatorio sulla criminalità nel settore agroalimentare. Sono autore di varie pubblicazioni sui temi della legalità e della giustizia.

Valeria Brigida

Giornalista

Sono una giornalista esperta in diritti umani e migrazioni. Ho lavorato per Rai, Repubblica e Il Fatto Quotidiano. Il mio rapporto di odio e amore verso l'Italia mi ha spinta a partire. Ho vissuto e lavorato in Gran Bretagna, Libano, Tunisia, Egitto, Haiti, Etiopia e Sud Sudan. Ma, alla fine, sempre a Roma torno. Mi piace raccontare le storie delle persone. Soprattutto delle donne. È quel che ho provato a fare anche nel libro Horreyya! La rivoluzione delle donne egiziane. Se non ora, quando?

Franco Rizzi

Storico e Segretario Generale di UNIMED

Già professore ordinario di Storia dell’Europa e del Mediterraneo presso l’Università di Roma Tre. Ho insegnato in Francia, Gran Bretagna, Spagna ed in numerosi Paesi della riva sud del Mediterraneo. Ho collaborato, tra gli altri, con François Furet, Robert Mandrou e Maurice Agulhon del Collège de France. Nel 1991 fondo UNIMED-Unione delle Università del Mediterraneo, un’Associazione di università, di cui sono Segretario Generale, che riunisce ad oggi 90 atenei dei Paesi del bacino del Mediterraneo con lo scopo di promuovere il dialogo, la ricerca universitaria e la formazione nella regione euro mediterranea per contribuire alla cooperazione scientifica, culturale, sociale ed economica. Ho all’attivo numerose pubblicazioni, tradotte in più lingue, in particolare sul tema del Mediterraneo, tra cui le più recenti: L’Islam giudica l’Occidente: Conversazione su alcuni luoghi comuni (Argo Editrice,2009); Mediterraneo in rivolta(Castelvecchi, Roma 2011); Dove va il Mediterraneo? (Castelvecchi, Roma 2013). Inoltre sono il curatore della collana Diwan, edita dalla Castelvecchi Editore, una collana a cavallo tra saggistica e letteratura, politologia e storia, società e cultura. wikipedia.org/wiki/Franco_Rizzi I post del mio blog rispecchiano soltanto le mie opinioni personali e non quelle di UNIMED

Nuovi Blogger

Isabella Borghese

Giornalista e ufficio stampa

Sono nata a Roma dove lavoro come giornalista e ufficio stampa. Ho scritto il reportage Da ex fabbrica occupata a «città» multietnica, il romanzo Dalla sua parte (2013, Edizioni Ensemble) e curato due antologie Sto qui perché una casa non ce l’ho (2013 Edizioni Ensemble, con Ascanio Celestini, Paolo Berdini e Walter De Cesaris) e Una bella bici che va (Giulio Perrone editore, con Stefano Benni, Fulvio Ervas, Andrea Satta). Nel 2014 ho pubblicato il romanzo Gli amori infelici non finiscono mai (Giulio Perrone editore). Sono ideatrice del progetto stylish editoriale Livres&Bijoux: creo gioielli artigianali dedicati ai libri. Quando non leggo e scrivo per lavoro lo faccio sempre per piacere. Mi interesso al diritto alla casa, che poi diventa il diritto di tutti ad avere una vita dignitosa e credo molto in Montaigne, quando ha detto: "Anche sul trono più elevato del mondo si è pur sempre seduti sul proprio culo".

Edoardo Volpicelli e Giovanni D'Errico

Fondatori ed animatori dell'associazione non profit Ambaradam

Edoardo Volpicelli (classe '76), videomaker e graphic desiner, e Giovanni D'Errico (classe '79), media educator e sociologo, siamo attivi da dieci anni nel terzo settore privato nella realizzazione di iniziative di promozione sociale e culturale, di educazione e di formazione, con attività e progetti dalla dimensione sia locale che internazionale. Fondatori ed animatori dell'associazione non profit Ambaradam, abbiamo l'obiettivo primario di favorire l’uso e la fruizione consapevole delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

Gian Paolo Valcavi

Avvocato, esperto di mercato del lavoro e relazioni industriali

Nel 2002 fondo lo Studio Legale Associato BSVA, con sedi a Milano, Gallarate e Varese e ne dirigo il settore giuslavoristico. Sono nominato Esperto della materia Cyberlaw presso il Berkman Center for Internet & Society (Harvard Law School). Dal 2005 sono Patrocinante presso le Corti superiori. Ho insegnato Diritto processuale civile presso l’Università degli Studi di Milano, Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università degli Studi di Pavia, Diritto del Lavoro presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli Studi di Pavia, Diritto del Lavoro e Diritto del Lavoro Comunitario presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli Studi di Bergamo. Dal 2012 sono Phd nelle Scienze pedagogiche con specifiche competenze in Formazione della persona e Diritto del Mercato del Lavoro all’Università degli Studi di Bergamo presso la quale sono anche Professore in Diritto del Lavoro e Diritto del Lavoro Comunitario. Ho pubblicato numerosi saggi e studi e di recente un’ampia serie di articoli sul tema della disoccupazione degli over-50enni su Diritto 24 del Sole 24 Ore.

Più attivi

Beppe Giulietti

Portavoce di Articolo 21

Giuseppe Giulietti è nato a Roma il 19 ottobre 1953. Le scuole elementari le ha fatte a Napoli, le medie e il liceo classico a Venezia, l’Università invece a Roma, dove ha pensato bene di laurearsi in Lettere dedicando la tesi agli anabbatisti perché già allora provava una irresistibile attrazione per gli eretici, gli irregolari, quelli che diffidano dei dogmi e delle sante o laiche inquisizioni. Alla Rai ci è arrivato nel 1979 dopo aver vinto il primo concorso che l'azienda decise di bandire per giornalisti praticanti. Dopo un decennio trascorso nella sede del Veneto, fondò con tanti altri il gruppo di Fiesole, da qui la successiva attività sindacale nell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai, e nella Federazione della Stampa. Attualmente è il portavoce di Articolo 21, associazione fondata e presieduta da Federico Orlando, siede in Parlamento nel gruppo misto ed è componente della commissione cultura della Camera dei deputati. Non coltiva grandi sogni salvo quello di vedere unite tutte le opposizioni, politiche e sociali, non solo per mandare a casa Berlusconi, ma soprattutto per liberare l’Italia dal berlusconismo, una malattia che ha già contagiato milioni di italiani e persino chi crede di esserne immune.

Fabio Marcelli

Giurista internazionale

Nato il 15 marzo del 1956 a Roma, sono ricercatore dell’Istituto di studi giuridici internazionali del CNR, e dirigente dell’Associazione dei giuristi democratici a livello nazionale, europeo e internazionale. Ho scritto sette libri e oltre cento articoli su temi di diritto e relazioni internazionali.

Sono candidato alle elezioni comunali nella lista Sinistra per Roma che sostiene la candidatura a sindaco di Sandro Medici

Lavoce.info

Watchdog della politica economica italiana

La crescente concentrazione di potere mediatico nel nostro Paese condiziona il confronto civile spingendo a schierarsi, a prendere posizioni estreme. Si può solo essere pro o contro. Pressoché bandite dalle TV le riflessioni, le analisi, l'informazione che vada in profondità. Vogliamo usare la nostra voce in un altro modo. Dal luglio 2002, quando è nata lavoce.info, cerchiamo di informare e di offrire uno strumento di approfondimento per chi non si accontenta del giudizio sommario e delle parole d'ordine. Una voce libera e indipendente. Informiamo e, soprattutto, proponiamo analisi indipendenti di fatti e notizie, con lo scopo di offrire un servizio utile a tutti coloro che accettano di misurarsi, senza pregiudizi, su questioni complesse. La nostra ambizione? Essere competenti nella critica, provocatori nei contenuti ed equilibrati nelle proposte. Vogliamo essere qualcosa che in Italia manca: una testata, che svolga la funzione di "watchdog", di cane da guardia, che valuti criticamente la politica economica, disinteressandosi dell'uso politico che può essere fatto di ciò che scrive. È un ruolo ambizioso ma non presuntuoso e, crediamo, importante. Soprattutto in un momento in cui ogni errore tecnico, ogni difetto di progettazione o ritardo ha costi molto elevati per il nostro paese. La redazione è attualmente costituita da 27 membri "stabili" e da un grande numero di collaboratori. Il comitato di redazione, responsabile dei testi non firmati, è attualmente formato da Tito Boeri, Daniele Checchi, Francesco Daveri, Giuseppe Pisauro e Fabiano Schivardi.. I membri della redazione in aspettativa per incarichi parlamentari o di governo scrivono su temi non attinenti al loro incarico e non partecipano alle scelte redazionali.

Guido Scorza

Docente, avvocato e giornalista

Avvocato, giornalista pubblicista, blogger at guidoscorza.it e Presidente dell’Istituto per le politiche dell’innovazione. Insegno diritto delle nuove tecnologie in diverse università italiane e scrivo, con poca fantasia, delle stesse materie su diversi giornali e periodici online e offline: L’Espresso, Wired.it, Punto Informatico, PC Magazine, Win Magazine, Office Magazine, Computer Business Review, Internet Magazine e Quale computer. Mi occupo da oltre dieci anni di politica dell’innovazione e di difendere i diritti civili in Rete convinto come sono che Internet possa e debba divenire la nuova agorà democratica del Paese che verrà.

•Ultima ora•

×