/

Pubblicitario a Londra. “Volevo imparare l’inglese e sono partito. In Italia la precarietà dei giovani è cronica”

Ingegnere a Stoccarda. “Quello che vivo qui mi sembra oro colato, ma è solo quello che ci meritiamo noi giovani”

Chimico in Canada. “Qui mi sento come se avessi vinto alla lotteria. L’Italia è immobile”

Insegnante in Giappone. “Soffro per l’Italia, ma non potevo accontentarmi di rimanere”

Architetto in Francia. “Senza emigrare non ce l’avrei mai fatta. L’Italia è ostile alle regole”

“La vita da expat a Londra? Frustrante. Ma se in Italia c’è rassegnazione, qui puoi fare carriera”

Ingegnere nucleare in Francia. “In Italia avere il dottorato non paga. Mandato decine di cv senza risposta”

Medico in Austria. “Mi sono laureato in Romania. Via dall’Italia per sfuggire a un futuro di precariato”
Lavorare in Canada, perché è così difficile?

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×