“Al momento non c’è ancora alcuna richiesta di nuove dosi mRna da parte nostra, ma stiamo studiando. Il Piano vaccini comunque a oggi resta sostenibile“. A rivendicarlo il commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo, a margine della cerimonia del 204esimo anniversario della polizia penitenziaria, a Roma. Nonostante la necessità di fornire un vaccino a mRNA a tutti gli under 60 e una seconda dose dello stesso tipo anche ai giovani che hanno ricevuto Astrazeneca come prima somministrazione, Figliuolo ha assicurato come il nuovo parere delle autorità scientifiche non comporterà un rallentamento della campagna, precisando come entro fine settembre l’Italia avrà a disposizione un numero sufficiente di dosi per “coprire l’80 per cento della platea di vaccinabili”. “Mi ero preso margini di manovra d’accordo con il presidente del Consiglio Mario Draghi. Da qui a fine settembre arriveranno oltre 54 milioni e mezzo di dosi”, ha aggiunto. Però, “siccome il pericolo è sempre dietro l’angolo, avere una riserva non guasta mai e quindi ben vengano qualora dovessero arrivare dosi aggiuntive e anticipazioni di quelle nell’ultimo trimestre”, ha concluso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, la 34enne ricoverata dopo AstraZeneca esce dalla terapia intensiva: è in ematologia

next
Articolo Successivo

Bari, è morto il 54enne ricoverato per ischemia cerebrale. Era stato immunizzato con il vaccino Johnson&Johnson il 26 maggio scorso

next