Dal tracciamento ai trasporti è cambiato ben poco dall’inizio dell’anno”. È questo l’allarme lanciato dalla dirigente scolastica del liceo scientifico Bottoni di Milano ,Giovanna Mezzatesta. In questa scuola della zona ovest della città, questa mattina sono tornati in classe in presenza il 15% in più degli studenti. Una percentuale che rispecchia quella cittadina stimata dall’assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli: “Siamo a 80mila studenti delle scuole superiori che si muovono sui mezzi, cresceranno, ma già eravamo al 50% dunque questa settimana abbiamo fatto un salto graduale dal 50% al 70%”. Un cambiamento che ha portato a blocchi dei tornelli su alcune linee della metropolitana e a disagi su alcune linee di bus e tram nonostante “l’aumento del 10% circa dei mezzi – come precisa l’assessore – e l’utilizzo di tutti i treni della metro a disposizione”. Il problema di fondo però rimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, l’annuncio della ministra Messa: “La sessione di laurea estiva sarà in presenza”

next
Articolo Successivo

Ricerca, “i fondi devono essere separati da quelli per gli atenei”. Ma la richiesta dei professori si scontra con un Recovery “avaro”

next