Il 7 gennaio, secondo il primo cronoprogramma dell’esecutivo, gli studenti avrebbero dovuto far ritorno sui banchi, ma così non è andata. Con lo slittamento della ripartenza all’11 gennaio, con diverse eccezioni regionali, molti hanno deciso di scendere in piazza. A Torino alcuni studenti si sono radunati in piazza Castello, e, prendendo ad esempio il film “L’attimo fuggente”, sono saliti sui banchi vuoti per protestare contro la didattica a distanza. “I banchi vuoti rappresentano lo stato in cui versano le nostre aule scolastiche, sono vuote, prive degli studenti che dovrebbero essere il futuro del Paese. I banchi sono vuoti ma ci saliremo sopra per dimostrare che le scuole vogliamo riprendercele”, hanno spiegato i ragazzi. “Servono investimenti concreti – hanno detto – soprattutto sui trasporti pubblici e sull’edilizia scolastica. Se non si investe in questo non si può pensare di rientrare in sicurezza”. “La didattica a distanza non è la soluzione – hanno rimarcato – è escludente per uno studente su quattro e alimenta solo la didattica nozionistica con ricadute culturali e psicologiche pesantissime per noi giovani”.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, rischioso ripartire l’11 gennaio? Sebastiani (Cnr): “Seconda ondata e studenti, ecco perché ci impongono la massima prudenza”

next
Articolo Successivo

Scuola, studenti e associazioni manifestano al Miur: “Basta spot e rinvii, interventi su trasporti e spazi per evitare nuove chiusure”

next