Corruzione, estorsione aggravata dal metodo mafioso, falso, riciclaggio, rivelazione di segreto d’ufficio, turbativa d’asta, sequestro di persona e pure detenzione di armi da fuoco. È un lungo elenco di reati quello contestato a vario titolo dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma a 11 persone arrestate questa mattina in provincia di Latina. Nell’ambito dell’inchiesta, ribattezzata “Dirty glass”, la polizia ha eseguito anche il sequestro di 4 società, tutte attive nella commercializzazione del vetro. Tra le persone coinvolte, riferisce Repubblica, ci sarebbe il colonnello dei carabinieri Alessandro Sessa, in passato comandante della compagnia carabinieri di Latina e poi, una volta arrivato al Noe, coinvolto nel caso Consip. Il militare era stato accusato di depistaggio in concorso con il maggiore Scafarto nel presunto complotto contro la famiglia Renzi, poi il gup di Roma lo ha prosciolto da tutte le accuse. Ora è finito ai domiciliari per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio e favoreggiamento personale.

Gli investigatori hanno scoperto una fitta rete di relazioni tra imprenditori (sia laziali che di origini campane), faccendieri e pubblici ufficiali finalizzata a realizzare profitti illeciti per le proprie aziende. Secondo l’accusa, i titolari hanno acquistato beni e asset da altre imprese in dissesto oltre a riciclare i proventi frutto di attività criminali. Grazie alle intercettazioni, inoltre, la procura ha accertato che gli indagati potevano contare su una serie di soggetti appartenenti alla pubblica amministrazione per poter ottenere informazioni coperte da segreto d’ufficio, con l’obiettivo di mettersi al riparo da eventuali indagini. Nel corso dell’inchiesta sono emersi rapporti anche con la criminalità organizzata. Gli imprenditori indagati si sarebbero affidati ad alcuni criminali del territorio di Latina per risolvere eventuali contrasti con altri competitor, grazie anche ad atti intimidatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mauro De Mauro, così scompariva un giornalista. Depistaggi, servizi e mafia: dopo 50 anni è rimasto un caso senza verità

next
Articolo Successivo

Mattarella ricorda De Mauro 50 anni dopo: “Caso senza verità è una sconfitta per le istituzioni. Squarciare velo degli occultamenti”

next