“Una foto strumentalizzata per fini politici”. I genitori degli alunni della scuola Mazzini di Genova, fotografati ieri mentre in ginocchio disegnano appoggiandosi a delle sedie, non ci stanno e puntano il dito contro il presidente della Liguria. Lo scatto, fatto circolare da Giovanni Toti nel pomeriggio di lunedì, accompagnato dal commento “un’immagine come questa non è degna di un paese civile”, scatenando immediate polemiche, è stato fatto in buona fede da un’insegnante che voleva aggiornare i genitori di come i figli stessero passando il primo giorno di scuola, come ricordano i genitori.
Tutto è partito giovedì – spiegano al Fatto.it all’uscita della scuola – quando ci hanno comunicato che l’inizio della scuola sarebbe slittato 48 ore per permettere che arrivassero i banchi e il personale ausiliario per iniziare serenamente l’anno scolastico”. Come ricostruito da ilfattoquotidiano.it , infatti, dopo una levata di scudi dei genitori, la scuola ha riaperto comunque, e tutti i genitori erano consapevoli della situazione. “La speculazione politica è cascata male – chiarisce Enrica Origo, maestra della scuola – la nostra è una buona scuola e rimandiamo al mittente ogni strumentalizzazione elettorale, soprattutto se fatta sulla pelle dei bambini”. Gli stessi genitori, tra l’altro, difendono il corpo insegnate e la scuola, ma quello che pesa di più è proprio “l’uso politico” di una foto “che doveva essere rappresentativa di un momento di gioia”. “Ci troviamo a ridotto di una scadenza elettorale, e ognuno tira un pochino un pezzetto dalla sua parte. Ma da un punto di vista etico non ci siamo”, conclude il corpo docente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Genova, bambini che scrivono sulle sedie: arrivati i 250 banchi alla scuola della foto

next