“Ho avuto grande solidarietà da molta parte della politica, tranne una: non ho visto una presa di posizione pubblica del Movimento 5 Stelle. La Raggi lo ha fatto e ho molto apprezzato, avrei voluto lo facesse anche il Movimento 5 Stelle. Un silenzio che pesa”. Così Massimo Giletti, a In Onda, su La7, commentando le minacce ricevute dal boss mafioso Filippo Graviano, intercettato al 41bis, riportate nell’ultimo libro di Lirio Abbate. “Quell’uomo… di Giletti e quel… di Di Matteo stanno scassando la minchia“, dice l’11 maggio, mentre passeggia è in carcere, il boss mafioso Filippo Graviano, condannato per le stragi del ‘92 e del ‘93. “Ricordiamoci che il dottor Di Matteo è il magistrato più scortato d’Italia – dice Giletti – è l’uomo che rischia in primis”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, Costa: “Presto in Consiglio ddl ‘Terra mia’”. Morra: “Covid sia occasione per resettare procedure, fatturati ecomafie sempre in ascesa”

next
Articolo Successivo

Regionali, Zingaretti a La7: “M5s non lasci solo il Pd a combattere contro le destre unite. Noi subalterni al Movimento? No, siamo leali”

next