“Ho avuto grande solidarietà da molta parte della politica, tranne una: non ho visto una presa di posizione pubblica del Movimento 5 Stelle. La Raggi lo ha fatto e ho molto apprezzato, avrei voluto lo facesse anche il Movimento 5 Stelle. Un silenzio che pesa”. Così Massimo Giletti, a In Onda, su La7, commentando le minacce ricevute dal boss mafioso Filippo Graviano, intercettato al 41bis, riportate nell’ultimo libro di Lirio Abbate. “Quell’uomo… di Giletti e quel… di Di Matteo stanno scassando la minchia“, dice l’11 maggio, mentre passeggia è in carcere, il boss mafioso Filippo Graviano, condannato per le stragi del ‘92 e del ‘93. “Ricordiamoci che il dottor Di Matteo è il magistrato più scortato d’Italia – dice Giletti – è l’uomo che rischia in primis”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, Costa: “Presto in Consiglio ddl ‘Terra mia’”. Morra: “Covid sia occasione per resettare procedure, fatturati ecomafie sempre in ascesa”

next
Articolo Successivo

Regionali, Zingaretti a La7: “M5s non lasci solo il Pd a combattere contro le destre unite. Noi subalterni al Movimento? No, siamo leali”

next