Si torna sui banchi il 14 settembre, ma dopo tutti a casa per le elezioni: servono seggi e non sembra esserci un’alternativa valida all’uso delle aule. Il Viminale, scrive oggi Repubblica, ha sostanzialmente rinunciato a cercare altre strutture: l’opzione migliore sul tavolo erano gli uffici postali, locali pubblici e ben distribuiti in ogni quartiere. Ma Poste Italiane ha declinato: troppo costoso chiudere gli uffici per così tanti giorni. Puglia e Campania hanno deciso perciò di posticipare il rientro a scuola direttamente al 24 settembre, dopo l’election day del 20 e 21 settembre. E Venezia propone addirittura il 10 ottobre.

Per votare, servono 54.800 seggi che fino a questo momento sono stati individuati nei plessi scolastici. Che quest’anno hanno già i loro problemi di spazi: in base alle nuove linee guida ministeriali, le planimetrie attuali non consentono di ospitare tutti gli iscritti e il 15% degli alunni resta fuori. Perciò, da Nord a Sud, si cercano soluzioni alternative: atri, cortili, giardini (finché il tempo lo permette) e convenzioni con cinema e teatri. Le paritarie, in conseguenza al calo degli iscritti, hanno offerto alle scuole pubbliche i loro spazi e il Ministero sta studiando anche una lista di 200 strutture confiscate alla mafia. Di sicuro, i presidi vorrebbero evitare di far rientrare i ragazzi e poi rimandarli a casa una settimana dopo, considerando anche le operazioni di pulizia e disinfezione da attuare.

“Di tempo ne abbiamo perso abbastanza – commenta Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi – quindi spero che si mantenga la data del 14. Il problema delle scuole che devono chiudere per ospitare i seggi deve essere risolto una volta per tutte perché non è possibile perdere periodicamente giorni di lezione in alcune scuole. È necessaria una ricognizione degli spazi effettuata con un anticipo maggiore rispetto alle scadenze elettorali”.

Il Viminale ha provato a fare un ultimo tentativo: ha inviato una circolare ai prefetti per chiedere di consultarsi con i sindaci “per una rapida ricognizione del patrimonio immobiliare pubblico che possa costituire un’utile soluzione alle esigenze di diversificazione delle sedi di seggio e contribuire ad alleggerire l’impiego di strutture scolastiche al fine di assicurare la continuità didattica”. Nella speranza che almeno qualche scuola possa restare aperta. “A questo punto – dice il viceministro dell’Interno Matteo Mauri citato da Repubblica – purtroppo non abbiamo molte altre alternative. Siamo tutti d’accordo che cercare di risparmiare le scuole da uno stop and go sarebbe molto importante ma la macchina elettorale è estremamente complessa e ha delle regole inderogabili. Speriamo che i sindaci riescano ad individuare nelle loro città eventuali edifici che possano essere compatibili con le caratteristiche richieste per votare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, Azzolina: “Richiesta al Mef assunzione di 80mila docenti per il 2020-2021. Formazione del personale per rientro in sicurezza”

next
Articolo Successivo

Scuola, il liceo milanese si prepara (con molte incognite) alla riapertura distanziata: “Non abbiamo spazi inutilizzati, ci rivolgiamo a Comune e parrocchie. Divideremo le classi in tre gruppi”

next