di Dino Caudullo*

Il ministero dell’Istruzione brucia le tappe e in piena fase di emergenza, senza tenere conto dei malumori all’interno della maggioranza e ovviamente dell’opposizione, e con un coro unanime contrario delle organizzazioni sindacali, ha dato il via il 28 aprile con la pubblicazione in Gazzetta a una nuova tornata di concorsi nella scuola. Fatto salvo l’accordo intervenuto in queste ore circa le modifiche da apportare alla procedura, onde venire incontro alle esigenze di celerità della stessa e di sicurezza dei partecipanti.

In particolare, sembrerebbe essere stato prorogato a dopo l’estate lo svolgimento delle prove inizialmente da svolgere nel mese di agosto; prove che, anziché essere svolte mediante una prova scritta computer based, si terranno con una prova scritta con modalità ancora da definire.

Non potendo quindi concludersi entro settembre la procedura straordinaria, i docenti verrebbero reclutati con incarico di supplenza annuale tramite le graduatorie provinciali.

Considerato tuttavia che, ad oggi, non è ancora stato convertito in legge il decreto scuola, con le modifiche ancora in discussione, ci limiteremo ad una disamina di quanto, allo stato, prevedono i bandi di concorso già pubblicati lo scorso 28 aprile in Gazzetta ufficiale, salvo poi tornare sull’argomento per analizzare le modifiche che verranno apportate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Concorso docenti e Maturità 2020, a queste condizioni sicuri che non sia meglio evitarli?

next
Articolo Successivo

Sicilia, tasse universitarie azzerate per gli studenti iscritti al Nord che rientrano. E ognuno porterà in dote 1.200 euro all’ateneo

next