Sassi e petardi contro la polizia, con cinque agenti che sono costretti a indietreggiare e difendersi con gli scudi. Ad assaltarli ragazzini inferociti. É quello che è successo a Napoli, nel Borgo Sant’Antonio Abate, nel centro storico della città. A raccontare la vicenda è Francesco Emilio Borrelli, consigliere campano dei Verdi, al quale è stato inviato un video. Protagonisti della vicenda, a leggere quanto scritto da Borrelli, “una manciata di ragazzini, intenti a nascondere alberi e legnami per il ‘fuocarazzo‘ di Sant’Antonio Abate, a cui bisognerebbe spiegare che non è questo il modo in cui la gente civile vive”.

La sera del 17 gennaio, quando si festeggia sant’Antonio, protettore degli animali, c’è l’abitudine di fare dei falò per strada – sia in alcune strade del centro che della periferia – che però, in alcuni casi, rappresentano un pericolo. Da qui l’intervento delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco che provvedono a spegnere le fiamme. “Questi messaggi non possono passare, non possono essere consentiti – evidenzia Borrelli – bisogna rispondere con severità. Alcuni territori non sono agglomerati urbani bensì polveriere a cui va sottratta la miccia. I ragazzini di Borgo Sant’Antonio Abate hanno dato un assaggio di quanto pericolose possano essere le baby gang”.

Le immagini di quanto accaduto, intanto, hanno fatto il giro del web. Sulla fatto sono intervenute anche quattro sigle sindacali della polizia – Siulp, Coisp, Silp Cigl e Fsp – che, in una nota firmata da rispettivi segretari provinciali – dicono che i colleghi “vanno plauditi in quanto fermi e professionali nel loro intento di prevenzione senza alcuna indole di belligeranza”. I sindacati di polizia, inoltre, chiamano in causa tutte le istituzioni – Comune, assistenti sociali e tessuto sociale – affinché si provveda a creare “dei circuiti di conoscenza e divulgazione che aiutino a sradicare la malerba e portare la nostra città all’attenzione delle istituzioni centrali” e chiedono più risorse e mezzi per le forze dell’ordine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Asti, aereo ultraleggero si schianta nella piazza centrale di Moncalvo: morto il pilota di 71 anni

next
Articolo Successivo

Torino, 35enne travolto e ucciso da un’auto pirata: posti di blocco in tutta la provincia

next