Non si è suicidato, è stato ucciso. Doveva darmi 20mila euro, li aveva con sé. Ma quei soldi io non li ho ricevuti e non sono mai stati trovati. Lo dissi al pubblico ministero: ‘Cercate i soldi’. Non sono stato creduto”. A parlare è Fabio Miradossa, lo spacciatore che riforniva Marco Pantani nei mesi precedenti alla sua morte, avvenuta il 14 febbraio di 16 anni fa a Rimini, in commissione Antimafia. Interrogato dal senatore del M5s, Giovanni Endrizzi, il pusher del Pirata, che per la vicenda ha patteggiato una condanna per spaccio, ha detto: “Era perennemente alla ricerca della verità su Madonna di Campiglio. Sosteneva di non essersi dopato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prescrizione, ora il ‘fine processo mai’ può regalare al delinquente un ‘inizio pena mai’

next
Articolo Successivo

Discoteca Corinaldo, giudizio immediato per i sei ragazzi della “banda dello spray”: a processo il 13 marzo

next