Marco non è morto per cocaina. Marco è stato ucciso“. A dirlo è Fabio Miradossa, lo spacciatore che vendette l’ultima dose di cocaina a Marco Pantani, il campione di ciclismo deceduto nel 2004 ufficialmente per un arresto cardiaco causato da un abuso di droga e farmaci. Uscito da poco dal carcere, Miradossa ha parlato per la prima volta, raccontando la sua verità su quanto accadde 15 anni fa.

“Magari chi l’ha ucciso non voleva farlo, ma è stato ucciso. Non so perché all’epoca giudici, polizia e carabinieri non siano andati a fondo – ha detto -. Hanno detto che Marco era in preda del delirio per gli stupefacenti, ma io sono convinto che Marco,quando è stato ucciso, era lucido. Marco è stato al Touring, ha consumato lì e quando è ritornato allo Chalet (il Residence Le Rose, ndr.) Marco era lucido”.

La morte di Marco Pantani è stata archiviata dai giudici come un’overdose da cocaina, conseguenza di comportamenti ossessivi del ciclista, che dopo aver esagerato con la droga ha sfasciato tutta la stanza dove si trovava facendosi del male da solo e poi è morto per un arresto cardiaco causato da un cocktail di cocaina e farmaci. Il corpo del “Pirata”, come era soprannominato, fu ritrovato senza vita il 14 febbraio 2004 nella sua stanza d’hotel al residence Le Rose di Rimini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Claudia Gerini mi ha rubato il cellulare”: l’accusa del paparazzo Maurizio Sorge

prev
Articolo Successivo

Thegiornalisti, Tommaso Paradiso: “Ho usato i social per chiarezza”. Musella: “Ci ha avvisato con un messaggio su Whatsapp”

next