Hanno scambiato un paziente ricoverato in ospedale per il super latitante Matteo Messina Denaro. Un falso allarme che questa mattina ha fatto scattare misure speciali nell’ospedale Bonino Pulejo di Messina. Il dubbio sulla reale identità dell’uomo è venuto ad alcuni infermieri che hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine dicendo che tra i malati c’era il boss di Cosa Nostra.

A quel punto magistrati e investigatori hanno fatto scattare un blitz: la Procura ha subito inviato i militari del nucleo speciale per prelevare un campione di Dna dall’uomo ricoverato originario di Castelvetrano, in provincia di Trapani, esattamente come il capo mafia ricercato. Intanto nelle struttura sanitaria sono state bloccate le vie d’accesso e di uscita. L’operazione, coordinata dal procuratore Maurizio De Lucia, si è conclusa poco dopo quando si è avuta la certezza che non si trattava di Matteo Messina Denaro.

Solo quindici giorni fa, in un’operazione antimafia della procura di Palermo, era emersa un’intercettazione tra l’ex avvocato Antonio Messina e Giuseppe Fidanzati, figlio del boss dell’Acquasanta, che ricordava di un incontro avvenuto alla stazione di Trapani con “Iddu”, ovvero come sospettano gli inquirenti, con il super latitante. Qualche anno fa invece, nel 2010, si era ipotizzato che Messina Denaro avesse assistito alla partita Palermo-Sampdoria, sugli spalti dello stadio Renzo Barbera a Palermo, città in cui il boss sarebbe andato per partecipare a un summit di mafia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, smantellato il clan Mauro: minacce e botte, così imponeva il pizzo ai negozianti del rione Sanità. ‘Siamo camorristi, non salumieri’

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, smantellata la cosca Bellocco di Rosarno: 45 arresti in Calabria, Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna

next