Un’imposta di un euro per ogni chilo di plastica monouso prodotta. Per contribuire alla diminuzione dell’inquinamento da plastiche e microplastiche, uno dei più pericolosi per l’ambiente, in particolare per i mari. La plastic tax prevista dalla legge di Bilancio, ora oggetto di variemendamenti anche di maggioranza che puntano a limitarne l’applicazione, nella forma attuale darebbe un gettito di 1 miliardo nel 2020 e 2,2 miliardi nel 2021. Secondo il presidente di Legambiente, Stefano Ciafani, le polemiche sulla misura sono “incomprensibili” se si considera che anche la direttiva Ue approvata a marzo si pone come obiettivo la drastica riduzione delle plastiche monouso. E l’Italia si candida a fare da apripista e da esempio: “Da quando la plastic tax è stata annunciata mi hanno chiamato da Portogallo, Germania, Francia e Russia per capirne meglio il funzionamento”, racconta Enzo Favoino, coordinatore scientifico di Zero Waste Europa. E una tassa può contribuire a ridurre tutta la plastica di cui si può facilmente fare a meno, come quella usata per i tappi delle bottiglie di vetro o per la chiusura delle confezioni del latte o dei succhi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, il male più grande che la affligge non è l’acqua alta

next
Articolo Successivo

Climategate, ovvero quando denunciare il riscaldamento globale era roba da complottisti

next