L’artista di Ghent, da sempre interessato a tematiche quali la sofferenza del corpo, la memoria e la necessità di un superamento da costrizioni fisiche ed emotive, celebra la sua presenza torinese con la mostra “ALETHEIA”, immergendo il pubblico in un limbo organico di corpi dalle sembianze lacerate e layers epiteliali. Per la Fondazione Sandretto Re Reabudengo, De Bruyckere, concepisce una serie di opere inedite ispirate ad una sua recente esperienza: la visita ad una conceria ad Anderlecht, in Belgio. Le pelli si trasformano in informi agglomerati ricoperti da efflorescenze cristalline che sottolineano l’importanza del corpo tramite la sua assenza; sculture respingenti ma al contempo immersive, eco di condizioni umane attuali e passate.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco cambia nome all’Archivio Vaticano: da ‘segreto’ a ‘apostolico’. Basterà a fugare ogni mistero?

next
Articolo Successivo

Parigi, l’Unesco copre le statue nude di Simon con le mutande: “Un equivoco”. Lo storico dell’arte: “L’Occidente ha paura della propria identità?”

next