Si ispira alle Città Invisibili – capolavoro di Italo Calvino – la fiera indipendente DAMA, giunta alla sua quarta edizione. Quest’anno le undici gallerie, selezionate dal curatore Domenico De Chirico e il gallerista Giorgio Galotti, arricchiranno gli spazi di due storici palazzi torinesi: Palazzo Coardi di Carpeneto, riaperto al pubblico per l’occasione, e Palazzo Birago di Borgaro. Ad animare la kermesse anche un live programme, affidato alla curatela di Elise Lammer, che vedrà il coinvolgimento di artisti quali Bekim Sébastien Krivaqa, Lonely Boys, Caroline Mesquita, Adrian Piper e Dorian Sari nello sviluppo di performances e videoinstallazioni sul tema “potere e resilienza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco cambia nome all’Archivio Vaticano: da ‘segreto’ a ‘apostolico’. Basterà a fugare ogni mistero?

next
Articolo Successivo

Parigi, l’Unesco copre le statue nude di Simon con le mutande: “Un equivoco”. Lo storico dell’arte: “L’Occidente ha paura della propria identità?”

next