L’arte è riuscita a trasformare il condominio di via della Fucina 16 (sito nel cuore del quartiere di Porta Palazzo) in un museo sperimentale a cielo aperto, grazie anche alle passate donazioni di rinomati artisti italiani come Michelangelo Pistoletto e Giorgio Griffa. Sabato 30 ottobre è la volta di una ricca collettiva di giovani artisti selezionati da un ristretto gruppo di curatori e non-profit italiani. Il collettivo promotore dell’iniziativa Kaninchen-Haus mostra nell’androne del palazzo i molteplici linguaggi di 44 artisti emergenti che saranno successivamente scelti dal comitato scientifico composto da: a.titolo, Guido Costa, Emilio Fantin, Beatrice Merz, Alessandra, Pier Luigi Sacco, Anna Pironti, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo e Catterina Seia, a partecipare ad una serie di residenze promosse in loco che si alterneranno nei prossimi mesi invernali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco cambia nome all’Archivio Vaticano: da ‘segreto’ a ‘apostolico’. Basterà a fugare ogni mistero?

next
Articolo Successivo

Parigi, l’Unesco copre le statue nude di Simon con le mutande: “Un equivoco”. Lo storico dell’arte: “L’Occidente ha paura della propria identità?”

next