Per la prima volta a Torino alcuni dei pezzi più significativi provenienti dalla collezione di Ernesto Esposito, stilista di fama internazionale, trovano la giusta collocazione nelle ampie sale del Museo Ettore Fico. Dal titolo ironico “me two” si delinea una mostra fotografica che indaga questo media attraverso gli scatti di celebri autori del novecento: da Wilhelm Von Gloeden a Robert Mapplethorpe, da Helmut Newton e Bruce Weber fino a Cindy Sherman, Thomas Ruff, Wolfgang Tillmans e Thomas Struth. Al piano superiore del museo ancora un’altra mostra dal titolo “Brasil!”, un’esplorazione nel vasto ed effervescente panorama artistico contemporaneo brasiliano.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco cambia nome all’Archivio Vaticano: da ‘segreto’ a ‘apostolico’. Basterà a fugare ogni mistero?

next
Articolo Successivo

Parigi, l’Unesco copre le statue nude di Simon con le mutande: “Un equivoco”. Lo storico dell’arte: “L’Occidente ha paura della propria identità?”

next