Anche quest’anno, Club To Club si riconferma immancabile appuntamento della Torino Art week; il festival avant-pop per eccellenza, giunto quest’anno alla sua diciannovesima edizione. Una cinque giorni di musica la cui direzione creativa è stata affidata a WEIRDCORE, graphic designer sperimentale che nei suoi anni di carriera ha affiancato artisti quali Aphex Twin, Skrillex, Miley Cyrus e molti altri. Le due serate del 30 e del 31 Ottobre, ospitate dalle OGR, vedranno l’alternarsi di musicisti come Slowthai e gli Holly Herndon mentre dal Venerdi fino al Sabato, nella storica sede del Lingotto, saliranno in consolle gli attesi James Blake, Flume, Floating Points, Battles, Chromatics, Romy e Issam. La Domenica 3 Novembre l’appuntamento si posta a Porta Palazzo con l’iniziativa Club Palazzo, il Block Party di Club To Club; una festa che dalla mattina alla sera coinvolgerà un pubblico eterogeneo con musica, panels, eventi di steetart e laboratori per bambini.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco cambia nome all’Archivio Vaticano: da ‘segreto’ a ‘apostolico’. Basterà a fugare ogni mistero?

next
Articolo Successivo

Parigi, l’Unesco copre le statue nude di Simon con le mutande: “Un equivoco”. Lo storico dell’arte: “L’Occidente ha paura della propria identità?”

next