Dallo sviluppo del www, all’esplosione di Windows ’95, un sistema operativo contenente al suo interno già il browser utile alla navigazione, Internet Explorer, il passo è breve. Da allora è un crescendo di siti e piattaforme, tanto che i pc connessi a Internet nel 1994 raggiungono quota un milione. Nel 1995 nasce anche Ebay, la prima piattaforma per comprare e vendere articoli direttamente in rete, tra privati, o tra privati e rivenditori, basata sul sistema delle “aste online”. In 12 anni, il fenomeno del web esplode: i siti passano dai 100mila del 1996 ai 162 milioni del 2008. Complice è anche l’invenzione di Google. In un labirinto di siti, due giovani universitari, Larry Page e Sergey Brin, riescono a trovare la via d’uscita: un motore di ricerca semplice, intuitivo, che indicizza, cioè ordina secondo un sistema gerarchico definito da un algoritmo, le pagine web, rendendo la ricerca più veloce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il cubo di Rubik di Xiaomi che parla con lo smartphone e aiuta a trovare la soluzione

next
Articolo Successivo

Internet compie 50 anni. E ancora non sappiamo dove porterà

next