Alla Gran Bretagna seguono Norvegia e Germania. L’Italia arriva quarta nella corsa a Internet. Un traguardo che raggiunge 13 anni dopo Londra. L’evento anche in questo caso passa quasi totalmente inosservato. I tecnici del Centro Nazionale di Calcolo Elettronico dell’Università di Pisa effettuano la prima connessione il 30 aprile del 1986, alle 18 circa. Complice del successo italiano è anche la testardaggine del gruppo di ingegneri italiani, alcuni dei quali hanno già lavorato insieme ai due inventori dei protocolli TCP/IP, Kahn e Cerf. A capo della ricerca pisana ci sono l’ingegner Luciano Lenzini e Stefano Trumpy, direttore del centro. A premere il pulsante che collega ufficialmente l’Italia alla Rete, però, è un tecnico informatico, Antonio Blasco Bonito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il cubo di Rubik di Xiaomi che parla con lo smartphone e aiuta a trovare la soluzione

next
Articolo Successivo

Internet compie 50 anni. E ancora non sappiamo dove porterà

next