In Sicilia i magistrati non volevano venire. Perchè “o si spaventano o il lavoro era troppo pesante”. Lo raccontava Paolo Borsellino  all’epoca procuratore di Marsala, alla commissione Antimafia il 4 dicembre del 1989.  La commissione di Palazzo San Macuto presieduta da Nicola Morra – con la consuenza del pm Roberto Tartaglia – ha infatti deciso di desecretare tutti gli atti raccolti dalla sua istituzione nel 1962. A cominciare dalle audizioni del magistrato assassinato in via d’Amelio il 19 luglio del 1992. Sono sei le volte in cui Borsellino compare davanti all’Antimafia tra il 1984 e il 1991. 

“È un pò paradossale che la commissione antimafia venga a chiedere quale è la situazione della lotta alla mafia: i magistrati vengono mandati qui di malavoglia, vengono con la valigia in mano da auditori e ripartono appena trovano l’occasione o appena scadono i due anni. L’incentivo non può essere che economico, mi si dice che è allo studio ma da tre anni ma ancora non si hanno notizie”, dice il 4 dicembre del 1989. “Queste – aggiungeva – zone sono periferiche ma non con riferimento alla criminalità. Il mio ufficio, rimanendo identico come personale, mentre prima si occupava di 4 mila processi l’anno, ora si occupa di 30 mila processi l’anno a cui si aggiungono 60 mila dalle procure del circondario. Oggi io ho i 100 mila processi: me li sono guardati tutti, io non mi arrendo”. Due anni dopo, invece, spiegava quale fosse il suo rapporto con la stampa, relativamente alle minacce ricevute: “In Sicilia le minacce che si facevano ai colleghi di Trapani e ai colleghi di Agrigento erano in diretta. Io mi opposi che quelle a noi venissero rivelate perché io dovevo finire le inchieste. Anche se un mio sostituto diceva che dovessero essere pubblicizzate perché così ci proteggevano meglio”.

Montaggio di Alberto Marzocchi e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Borsellino, gli audio segreti: “Calo di tensione nella lotta alla mafia. Mi sono dimezzato la scorta per avere le volanti”

next