Premessa: le fasi principali del ciclo dei rifiuti sono tre: raccolta, trattamento e smaltimento. La prima spetta ai Comuni, la seconda alle società autorizzate dal piano rifiuti della Regione Lazio (da realizzare in una mappa di ‘aree bianche‘ indicate dalle province o città metropolitane). Fra la fase 1 e 2 – raccolta e trattamento – può essercene una  intermedia: il “trasbordo” (fase 2 e mezzo), dove i rifiuti aspettano se gli impianti di trattamento sono pieni. Avendo presente questo banale (ma fondamentale) schema, è possibile andare ad analizzare la situazione romana. Con la chiusura di Malagrotta, è venuto a mancare l’ultimo passaggio: lo smaltimento. Discariche e inceneritori già presenti nel resto del Lazio erano troppo piccoli e impossibilitati a coprire le 4.700 tonnellate al giorno di immondizia prodotte dai romani. Sarebbe servito, da parte della Regione Lazio, un aggiornamento immediato del piano rifiuto 2012 firmato dall’ex governatrice Renata Polverini, che però è ancora oggi l’ultimo documento valido in vigore. Gli atti prodotti dalla Pisana negli ultimi sei anni, infatti, sono solo degli aggiornamenti che prevedono la redistribuzione dei quantitativi su previsioni (ottimistiche) di miglioramenti della raccolta differenziata. Così sono arrivati gli accordi con le altre regioni e con i siti esteri. Abruzzo, Veneto, Puglia, Emilia Romagna, Lombardia e perfino Austria, Germania e Portogallo hanno via via smaltito a caro prezzo gli scarti prodotti dai tmb capitolini. Una stangata da 50 milioni l’anno circa che ha portato i romani a pagare la tassa sui rifiuti più alta d’Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cambiamenti climatici e ricerca scientifica, su Sky il doc Ice on fire prodotto e narrato da Di Caprio. La clip in anteprima

prev
Articolo Successivo

Montagna, continuiamo a finanziare neve artificiale. Perché?

next