Aurora Trotta, 21 anni, studentessa di Storia, è la più giovane dei neo consiglieri comunali eletti a Livorno. Come capolista di Potere al popolo ha ottenuto 263 preferenze al primo turno elettorale del 26 maggio scorso. Le elezioni sono state vinte al ballottaggio da Luca Salvetti, il candidato della coalizione di centrosinistra, contro Andrea Romiti, il candidato del centrodestra. Trotta ha ottenuto il maggior numero di preferenze tra le candidate donne under 30 ed è al secondo posto come candidata under 30 in assoluto. Prima di aderire a Pap è stata militante di Rifondazione Comunista: “Anche un po’ per la mia storia personale e familiare” spiega Trotta, il cui padre Alessandro è segretario provinciale di Rifondazione. Per Trotta se Salvetti vorrà essere il sindaco di tutti “dovrà fare una forte autocritica ed avere la percezione che questo voto di vittoria non è un voto di consenso ma di dissenso. La città si è sentita chiamata a contrastare una destra che stava avanzando. In secondo luogo dovrebbe riprendere contatti con tutti i corpi politici che ci sono in città, quindi anche con quella fetta cosiddetta antagonista”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emilia Romagna, Pd oltre Ferrara: resiste a Lega con giovani e civismo. “Regionali? Servono piedi per terra e alleanza larga”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi Sardegna, Sassari va a Campus con civiche di centrodestra: Pd rimontato

next