Gli ispettori antimafia arrivano a Mezzojuso, in provincia di Palermo, con il compito di esaminare la condotta dell’amministrazione comunale. La decisione dopo che – durante la diretta della trasmissione Non è l’Arena andata in onda il 12 maggio su La7 – al sindaco Salvatore Giardina è stato contestato dal conduttore Massimo Giletti di aver partecipato nel 2006, mentre era assessore, al funerale del boss mafioso don Cola La Barbera. Il primo cittadino aveva ammesso la sua partecipazione, salvo poi smentire in un secondo momento.

“Sono contento che Salvini avrebbe preso questa decisione, anche se finora a me non è stato notificato nulla”, commenta ora Giardina. “Sarò ben lieto di spalancare le porte del municipio e mettere a disposizione degli ispettori tutto il materiale necessario alle verifiche, perché oggi ancor di più credo nelle istituzioni. Mi auguro che finalmente si faccia chiarezza su tutta questa vicenda”, ha aggiunto. “In quel momento in tv fui preso alla sprovvista – ha spiegato il sindaco – ed essendo una persona religiosa che assiste a tutti i funerali, non seppi rispondere adeguatamente. Ma poi facendo mente locale posso affermare con certezza che quel giorno non ero a Mezzojuso”.

Secondo quanto appreso dall’Ansa, il Comune era da tempo sotto la lente del Viminale. Lo spunto per realizzare quella puntata di Non è l’Arena fu infatti la vicenda delle tre sorelle Irene, Ina e Anna Napoli che affermano di essere minacciate da anni dalla mafia “per costringerle a cedere la proprietà dei loro terreni o la gestione della loro azienda agricola”. Giletti ha scritto un libro su di loro dal titolo Le Dannate. Il conduttore ha dedicato varie trasmissioni a questa storia: “Puntata dopo puntata, mi rendevo conto che nei fatti che si susseguivano nelle campagne di Mezzojuso c’era anche dell’altro”, ha detto Giletti all’Ansa. Per le tre sorelle “l’invio degli ispettori del Viminale è un atto dovuto per fare chiarezza su quanto è successo e continua ad accadere nel nostro territorio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le mafie si combattono partendo dal Nord Italia e non dal Sud

prev
Articolo Successivo

Nino Di Matteo, escluderlo dal pool su ‘entità esterne’ vuol dire minare il lavoro già fatto

next