Torna a scuola Rosa Maria dell’Aira, la professoressa sospesa dall’ufficio scolastico provinciale di Palermo per una presentazione dei suoi alunni in cui venivano accostate le leggi razziali e il decreto sicurezza. L’insegnante si è presentata questa mattina all’ Istituto Tecnico Industriale Vittorio Emanuele III di Palermo. Sono infatti passati i 15 giorni di sospensione disposti dal provveditore. Il figlio e avvocato Alessandro Luna, come riporta Repubblica, ha però già annunciato ricorso al Tribunale del lavoro. Infatti la donna punta ad ottenere l’annullamento della sanzione. Che può essere predisposta solo dal provveditore che l’ha disposta. Oppure dal direttore scolastico regionale che però, come scrive il Corriere della Sera, deve ancora essere nominato a causa del pensionamento del predecessore

La donna è stata accolta dai suoi studenti con un mazzo di quindici rose, una per ogni giorno di sospensione. Mentre i colleghi le hanno regalato una pianta di orchidee. “Oggi è una bellissima giornata, sono felicissima di rientrare a scuola con i miei alunni. Continuerò a insegnare ai miei ragazzi a crescere, a riflettere, a non essere indifferenti e a prendersi cura dell’altro”. E ha annunciato che durante la lezione di storia parlerà di Europa, nel giorno dei risultati delle elezioni: “Per me è un valore”.