di Fritz Kiersch (1984)

Lo sappiamo è un racconto minore nella raccolta A volte ritornano. Però in questa storiella della matura coppia dispersa tra gli alti fusti di grano del Nebraska c’è una sequenza che ancora non ci fa dormire la notte: quella in cui un tizio viene ucciso mentre viene spinto a forza contro un’affettatrice da salumiere. King ha odiato sceneggiatura (George Goldsmith) e film, ma è uno di quegli horror di mezzanotte perfetti per le visioni estive. C’è anche Linda Hamilton che di lì a pochi mesi sarebbe esplosa in Terminator.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Film in uscita, da I figli del fiume gialle a Tutti pazzi a Tel Aviv e poi Red Joan e Pet Sematary

next
Articolo Successivo

Bangla, ecco perché ci siamo innamorati di questo film (e c’entra anche un po’ Woody Allen)

next