di Rob Reiner (1986)

Chiudiamo con il topos kinghiano per eccellenza: il gruppo di ragazzi di fronte all’ignoto. Reiner sfronda cupezze e ossessioni kinghiane, senza isterie del nostro, è dirige un film delicato e nostalgico più che classicamente horror. Un cadavere nascosto, un gruppetto di ragazzini undicenni, il passaggio dalla pubertà all’adolescenza. Sembra nulla, ma è un film che lascia irrimediabilmente il segno. Colonna sonora d’epoca da ascoltare e riascoltare possibilmente da una vecchia audiocassetta. In loving memory: River Phoenix.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Film in uscita, da I figli del fiume gialle a Tutti pazzi a Tel Aviv e poi Red Joan e Pet Sematary

next
Articolo Successivo

Bangla, ecco perché ci siamo innamorati di questo film (e c’entra anche un po’ Woody Allen)

next