di Rob Reiner (1990)

Davanti a Misery ci si deve inchinare. Punto. Thriller psicologico in purezza con venature omicide che fanno spavento solo a pensarci. Il romanzo è superbo, la trasposizione cinematografica pure. Rob Reiner era un regista di commedie (Harry ti presento Sally). Questo per dire che molti racconti di King hanno bisogno di un ghigno beffardo a sovrastare la serietà generale d’intenti. La fuga impossibile dello scrittore ferito, la pazzia dell’infermiera Annie, il magnifico sceriffo sforacchiato all’improvviso con fucile a pallettoni, rimangono impressi nella memoria come raramente capita di fronte alla paura cinematografica. Kathy Bates vinse l’Oscar come miglior attrice (l’unico vinto da un film tratto da King). Sceneggia William Golding.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Film in uscita, da I figli del fiume gialle a Tutti pazzi a Tel Aviv e poi Red Joan e Pet Sematary

next
Articolo Successivo

Bangla, ecco perché ci siamo innamorati di questo film (e c’entra anche un po’ Woody Allen)

next