La requisitoria del processo Aemilia si chiude con la richiesta di condanna per tutti i 147 imputati. E alcune sono molto pesanti, come quelle per Vincenzo e Giuseppe Iaquinta. Per l’ex attaccante della Juventus e campione del mondo nel 2006, accusato di reati relativi alle armi con l’aggravante mafiosa, sono stati chiesti 6 anni di carcere, 19 per il padre Giuseppe per affiliazione alla ‘ndrangheta.

Nell’aula bunker di Reggio Emilia, dove sta andando in scena il più grande processo contro la ‘ndrangheta mai celebrato nel nord Italia, i magistrati della Dda di Bologna hanno contestato, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, false fatturazioni, usura, estorsione e frode. Oltre a Iaquinta padre e figlio, le richieste di pena più alte sono arrivate per Michele Bolognino (30 anni in ordinario e 18 in abbreviato), Gaetano Blasco (26 anni e 6 mesi in ordinario e 16 anni in abbreviato), Pasquale Brescia (14 in ordinario e 4 anni e 6 mesi in abbreviato).

Sono state chieste condanne importanti anche per Antonio Valerio (10 anni in abbreviato e 15 anni e 10 mesi in ordinario) e Salvatore Muto (8 anni in abbreviato), due imputati che nel corso dei mesi hanno scelto di collaborare. Per alcuni dei 147 imputati sono state fatte, nel corso degli ultimi due anni, integrazioni d’accusa da parte della Procura, secondo cui gli atti criminali sarebbero proseguiti anche dal carcere. In 24 hanno chiesto di essere processati in rito abbreviato per quei capi di imputazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Falcone, la fiaccola a piazza Magione e i resti della Croma in mostra: gli eventi a Palermo per l’anniversario della strage

prev
Articolo Successivo

Giovanni Falcone, il buco nelle agende elettroniche e il mistero del viaggio negli Usa: tutti i rebus 26 anni dopo la strage

next