“Loro fanno le vigliaccate e noi dobbiamo continuare a mettere sempre le piantine”. Giuseppe Varamo è uno degli operai della cooperativa di Gioia Tauro “Valle del Marro”, che nei giorni scorsi, ha subito la quarta intimidazione in un anno. Duecento piantine di kiwi sono state estirpate e tagliate in un terreno, confiscato alla cosca Molé, dove già nei mesi scorsi qualcuno aveva manomesso e in parte rubato l’impianto di irrigazione del campo. “Per realizzare questa produzione c’è stato un lungo lavoro di quattro anni – spiega il vicepresidente della cooperativa Antonio Napoli – Nel momento in cui su questo bene è rifiorita la vita, con circa 800 piantine, si sono concentrati gli atti intimidatori. Stiamo dando le ali alla speranza, convincendo i giovani a rimanere in queste terre e a investire nel settore agricolo”. “È chiaro che c’è tanta rabbia e amarezza – continua Napoli – però ci solleva la convinzione che gli sconfitti sono i mafiosi. Sono arrivati tanti messaggi di solidarietà di gente che vuole aiutare la cooperativa a risollevarsi per l’ennesima volta da un danneggiamento simile. La vinceremo questa battaglia. Questa è una terra che è stata violentata e che ha bisogno di credere in se stessa ”. La pensa allo stesso modo Francesco Trimboli, uno dei tirocinanti della cooperativa: “Noi la ’ndrangheta la vogliamo abbattere ripartendo da uno sviluppo sano che può dare frutti all’intera comunità della Piana di Gioia Tauro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voto di scambio, medico condannato a 3 anni: “Fu intermediario tra Antinoro e Cosa nostra”. Ma il politico fu assolto

next
Articolo Successivo

Aemilia, i corsi di formazione per giornalisti tenuti dagli avvocati che vogliono processare la stampa

next