“Ho sempre detto che il primo vero testo antimafia è la Costituzione italiana”. Lo ha affermato don Luigi Ciotti durante il suo intervento in occasione della cittadinanza onoraria che gli è stata conferita dal Comune di Locri.

“Libera è apartitica ma non apolitica” sono le parole di don Luigi riportate sul sito lentelocale.it che ha pubblicato il suo discorso integrale incentrato sui temi più caldi della campagna elettorale appena finita.

“Ho avuto sempre come punto di riferimento – ha aggiunto – il Vangelo e la Costituzione italiana che se venisse applicata fino in fondo non avremmo bisogno di tanti codici. La politica deve prendersi cura delle persone più fragili, di chi sta ai margini, di chi non ha lavoro e non ha futuro. Se non fa questo la politica tradisce se stessa. Bisogna pensare alle persone non come elettori. Se per il consenso, si umiliano gli immigrati e la povera gente, non è politica. È un’altra cosa”.

Oltre all’immigrazione, don Ciotti si sofferma sui temi del lavoro: “Se 4 milioni e mezzo di persone vivono nella povertà assoluta sarà un problema centrale. Dobbiamo dirci con chiarezza che la povertà è un reato contro la dignità delle persone. È un crimine di civiltà”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Mafia, arrestato il re dell’eolico Vito Nicastri. “Ha coperto e finanziato la latitanza di Matteo Messina Denaro”

next