STING E SHAGGY. Passerà alla storia come una delle ospitate più improbabili dell’ultimo decennio. Prima Sting interpreta Mad about you in un incomprensibile italiano, come omaggio al Bel Paese, o forse solo per dimostrarci che monnezza sarebbero i capolavori della musica mondiale cantati nella nostra lingua. Poi arriva Shaggy, in versione davvero “mister Boombastic”, e per tre minuti mette a dura prova body guard e signorotti imbarazzati in prima fila, prima che il compare lo trascini via dal palco nello sconcerto generale. VOTO 4,2 (come il presunto tasso alcolemico di Shaggy). 

INDIETRO

Sanremo 2018, le pagelle della seconda serata. Da 8 il tentato golpe di Baudo, Il Volo deturpa Sergio Endrigo

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, la seconda serata. Hunziker ufficializza sospensione Meta-Moro. La rivelazione di questo festival? Favino

next
Articolo Successivo

MasterChef Italia 7, la svolta criminale anti-Festival: furti, inchieste, moviole e una doppia espulsione

next