ROBERTO VECCHIONI. Una gemma nel cuore della notte. Fuori scaletta, per nulla annunciato, il professor Vecchioni canta Samarcanda e ci regala una lezione di musica e poesia. “Le canzoni non sono querce, ma fiori che ci scambiamo ogni giorno”. E per un attimo Sanremo diventa davvero il Festival della musica italiana. VOTO 10

Twitter: @lVendemiale

INDIETRO

Sanremo 2018, le pagelle della seconda serata. Da 8 il tentato golpe di Baudo, Il Volo deturpa Sergio Endrigo

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, la seconda serata. Hunziker ufficializza sospensione Meta-Moro. La rivelazione di questo festival? Favino

next
Articolo Successivo

MasterChef Italia 7, la svolta criminale anti-Festival: furti, inchieste, moviole e una doppia espulsione

next