Era latitante, disposto a rinunciare a tutto. Tranne che alla sua squadra del cuore. Un amore che lo ha tradito. Emanuele Niola, 33enne napoletano ritenuto elemento di spicco del clan camorristico Di Lauro, aveva deciso di assistere a Napoli-Inter, big match per la vetta della Serie A in programma il 21 ottobre prossimo al San Paolo di Napoli. E ha incaricato un suo fedelissimo di prenotare un biglietto (per forza di cosa nominale) per lo stadio di Fuorigrotta. Ha osato, gli è andata male. Niola è stato rintracciato e catturato dai carabinieri della sezione “Catturandi” del Nucleo investigativo di Napoli, che lo hanno localizzato e arrestato in un autolavaggio di Secondigliano, dove era arrivato alla guida di un’auto, mentre si intratteneva a parlare con alcuni conoscenti. Quando è stato bloccato non ha opposto resistenza; ha solo detto di volere “una nuova vita, finalmente lontana dallo spaccio“.

Il 33enne, come detto, per gli inquirenti è un pezzo da novanta del clan camorristico Di Lauro e, fino a qualche anno fa, referente e controllore per conto del clan della piazza di spaccio del Rione dei Fiori, il cosiddetto “Terzo mondo” nel quartiere Secondigliano a Napoli, da sempre controllato dal clan Di Lauro. Niola, latitante da alcuni mesi, è destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Corte di Appello di Napoli per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e deve espiare 6 anni e 7 mesi di reclusione. A Niola gli investigatori sono arrivati grazie a chi per lui si stava procurando gli ingressi per Napoli-Inter: la persona in questione, in una telefonata con un amico, ha fornito solo il proprio nome, temporeggiando sul secondo. Un silenzio che ha insospettito i militari, che da quel momento hanno rinforzato e approfondito le indagini per la cattura di Niola avendo intuìto la sua probabile presenza nella zona nord di Napoli. Avevano ragione. E oggi è arrivata la cattura del latitante tifoso.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camorra, dietro l’esecuzione di Nicola Notturno i racconti dello zio pentito sulle origini della faida di Scampia

next
Articolo Successivo

Napoli, 19 arresti e 50 milioni di euro sequestrati al clan Mallardo

next