Controlli autonomi (ma non in volo)
I paesi più industrializzati volevano che i controlli fossero effettuati da organismi internazionali. Tuttavia i Paesi emergenti (soprattutto la Cina) hanno chiesto e ottenuto che ogni stato verifichi le emissioni “in casa propria”, sollevando molte perplessità sull’attendibilità di tali resoconti. Questo non vale per ciò che avviene in acque internazionali, o negli spazi aerei: quindi le emissioni di aerei, jet, navi e il resto dei mezzi di trasporto non vengono conteggiate.

INDIETRO

Clima, in sei punti gli Accordi di Parigi, che Donald Trump vuole rompere

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Copenaghen, la Sirenetta dipinta di rosso contro la caccia alle balene pilota

next
Articolo Successivo

Consumo di suolo, quanto costa ai cittadini?

next